alpadesa
  
Flash news:   “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Auguri di buon compleanno all’imprenditore Vincenzo Iervolino Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese

Il Tribunale «salva» il Consorzio agrario atripaldese di Napoli, Avellino e Salerno

Pubblicato in data: 22/2/2018 alle ore:15:34 • Categoria: Cronaca

Il Tribunale «salva» il Consorzio agrario di Napoli, Salerno e Avellino, con sede ad Atripalda, scongiurando, almeno per ora, la cessione di un credito di oltre 50 milioni di euro a favore di una spa che ne dichiarava la titolarità sostenendo di averlo acquisito negli anni scorsi.  La notizia oggi su Il Mattino.
Il tribunale di Salerno (sezione III civile, presidente Salvatore Russo, giudici Roberto Ricciardi, estensore, e Maria Elena del Forno) ha respinto l’istanza presentata dalla Smia spa rappresentata in giudizio dall’avvocato Alessandro Pasca, nei confronti del Consorzio agrario interprovinciale (Na-Sa-Av) costituito con l’avvocato Alessandro Limatola per il pagamento di un presunto credito di 51 milioni e 114mila euro. Contro la sentenza di primo grado la Smia ha già annunciato di presentare appello.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *