alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Consiglio comunale disertato dalla minoranza, il Prc attacca:”il gruppo guidato da Paolo Spagnuolo si è dato a un’ingloriosa fuga”

Pubblicato in data: 11/3/2018 alle ore:09:00 • Categoria: Politica, Rifondazione per la Sinistra

Eravamo stati facili profeti nel prevedere, all’indomani delle elezioni della scorsa primavera, che Atripalda non avrebbe avuto una vera opposizioni consiliare, visti i profondi legami consociativi tra le due liste presenti nell’assemblea cittadina. Ma quanto è accaduto in occasione dell’ultima seduta di Consiglio, disertata dal gruppo di “Noi Atripalda”, induce a pensare che siamo in presenza del classico caso in cui la realtà supera la fantasia.
All’ordine del giorno dell’assemblea figuravano la nomina di due nuovi assessori – al posto dei dimissionari Troisi e Moschella – e la surroga dello stesso Troisi, dimessosi anche da consigliere, in seguito alle note vicende giudiziarie. Ebbene, di fronte a questioni di tale rilievo, il gruppo guidato da Paolo Spagnuolo non ha trovato di meglio che darsi a un’ingloriosa fuga, giustificata con il proprio rivendicato disinteresse per l’”occupazione di poltrone”.
Una formula, quest’ultima, che trasmette un’immagine di disprezzo per le istituzioni, insieme a un’inconsapevolezza del proprio ruolo così clamorosa da rasentare l’analfabetismo politico. Paolo e soci dovrebbero infatti sapere che quella del controllo dell’azione amministrativa della maggioranza è parte costitutiva ed indefettibile del ruolo dell’opposizione, che va svolta senza eccezioni e senza soluzioni di continuità, anche quando non sussistano i presupposti per condizionare, nell’immediato, l’operato della Giunta. Evidentemente, pur di evitare di prendere parte al dibattito sulle nomine dei neo-assessori, e, quindi, per eludere, ancora una volta, una propria presa di posizione sul “caso Troisi”, la formazione dell’ex sindaco è venuta meno a una funzione essenziale, quella di partecipare alla verifica dei requisiti di eleggibilità della consigliera subentrante, e quindi – aspetto importantissimo – della regolare composizione dell’organismo consiliare.
Un dato è certo: con questa minoranza, l’attuale sindaco, l’altro Spagnuolo, potrà purtroppo dormire a lungo sonni tranquilli, almeno nelle sedi istituzionali.

Luigi Caputo Partito della Rifondazione Comunista – Atripalda
Comitato Politico Provinciale PRC – Federazione di Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *