alpadesa
  
Flash news:   Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di AtripaldaNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50

La Sidigas si arrende a Milano solo nel finale

Pubblicato in data: 26/3/2018 alle ore:18:26 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Niente da fare la per la Sidigas Scandone Avellino. Gli irpini tengono testa all’EA7 Milano ma escono sconfitti 75-82. I biancoverdi restano in vantaggio per gran parte del match, ma nell’ultimo quarto la qualità e la profondità del team milanese hanno avuto la meglio sulla squadra di Pino Sacripanti.

Parte forte la Sidigas con la coppia Fesenko-Rich, mentre dall’altro lato è Kuzminskas a segnare la tripla (6-3). Tarzczewski segna da sotto, ma è ancora Avellino con Leunen ad andare a segno. Filloy piazza la tripla del +6 e Pianigiani chiama subito sospensione (11-5). Cinciarini segna da tre, Scrubb risponde alla stessa maniera. Milano prova a ritornare sotto con la coppia Gudaitis-Kuzminskas, ma è ancora il numero 11 irpino a realizzare in penetrazione (16-13). Scrubb concretizza un 2+1, mentre Gudaitis fa 2/2 (19-15).

Fesenko fa 1/2, gli ospiti vanno a segno con Bertans e Pascolo. Rich va a realizzare in sospensione, mentre Abass in tap-in riporta a -1 Milano, con Sacripanti che chiama time out (22-21). Gudaitis segna dal pitturato due volte, ma D’Ercole con la tripla mantiene avanti la Sidigas. Fesenko fa 2/2 e porta a +4 Avellino (29-25). Fesenko fa 1/2, mentre Micov con la tripla riporta a -1 l’Armani. Rich segna da dentro l’area, mentre Fitipaldo dalla lunetta realizza solo un libero (35-31). Il centro irpino è un enigma per la difesa ospita e realizza da sotto. Cusin concretizza un 2+1, ma Avellino è ancora avanti (37-34).

Al ritorno dall’intervallo lungo sono le scarpette rosse a partire forte e con Goudelock si portano avanti. Wells si sblocca segnando 4 punti consecutivi che riportano a +3 la Sidigas (41-38). Fesenko e Rich segnano da dentro l’area ma le triple di Goudelock tengono l’Armani a contatto (47-44). Gudaitis segna dal pitturato, ma è ancora Wells a fare 2/2 (49-46). Botta e risposta tra Gudaitis e Wells, ma è Fitipaldo con la penetrazione a tenere avanti la Sidigas (53-50). Parziale ospite di 4-0 che dà il vantaggio a Milano, ma Wells pareggia dalla lunetta (54-54). Avellino è in bonus e Milano ne approfitta con Tarczewski che non sbaglia (54-57).

L’ultimo quarto si apre con la tripla di Scrubb che pareggia, ma Micov e Jerrells tengono avanti Milano (57-62). Scambio di triple tra Rich e Pascolo, il numero 25 irpino fa 1/2 e tiene Avellino a contatto (61-65). Parziale ospite di 4-0 con Jerrells e Tarczewski e Sacripanti chiama sospensione (61-69). L’EA7 prova a scappare grazie ai canestri di Jerrells, ma Rich prova a a non far scappare gli ospiti (68-77). Avellino ci prova fino alla fine con Wells che segna dalla lunga distanza, ma Milano batte la Sidigas 75-82.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *