alpadesa
  
domenica 29 novembre 2020
Flash news:   Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità Coronavirus, i numeri di oggi del contagio in Irpinia: 160 i positivi, 3 ad Atripalda Installazione colonnine per la ricarica auto elettriche ad Atripalda, nominata la commissione giudicatrice per l’apertura delle offerte

La Sidigas batte Utena 85-68 e centra la semifinale di Fiba Europe Cup

Pubblicato in data: 1/4/2018 alle ore:11:38 • Categoria: Avellino Basket

La Sidigas Scandone Avellino scrive la storia, i biancoverdi battono Utena 85-68 e centrano la semifinale di Fiba Europe Cup. Traguardo storico per la società biancoverde che ora dovrà giocarsela con i danesi del Bakken Bears. Partita mai in discussione per gli uomini di Pino Sacripanti grazie ad una prova di spessore su entrambi i lati del campo.

La partita si apre con la tripla di Rich. Dendy fa 1/2. Avellino prova a scappare con Fesenko che realizza da dentro l’area e Rich che segna dalla linea della carità (6-1). La Sidigas muove bene la palla e va a segno ancora con Rich e Filloy che portano la Sidigas a +7, Urbonas chiama time out (10-3). Dopo un gioco da tre punti di Kupsas, i biancoverdi ritornano a macinare gioco e la tripla di Fitipaldo dal il +9 agli irpini (15-6). Rich segna 4 punti consecutivi, Utena prova a rientrare con i tiri liberi e la tripla di Siksnius allo scadere (19-15).

In avvio di secondo quarto la Sidigas piazza un parziale di 4-0 con Scrubb e Rich entrambi serviti da Fitipaldo. Gli ospiti rispondono con Siksnius e Kupsas, ma è ancora Scrubb ad andare a segno con una tripla. Fitipaldo scappa in contropiede e Avellino ritorna a +9 (28-19). Utena soffre l’aggressività difensiva dei biancoverdi, mentre in attacco Fesenko domina sotto le plance ed Avellino scappa sul +14 dopo una tripla di D’Ercole (35-21). Il numero 24 irpino si ripete subito dopo mettendo a segno 5 punti consecutivi, mentre Wells regala il +20 alla Sidigas con un gioco da tre punti (43-23). I biancoverdi giocano sul velluto e piazzano un 7-0 di parziale sul finire di quarto grazie ai canestri di FIlloy, Lawal e Zerini (50-23).

Al ritorno dall’intervallo lungo Utena vuole ritornare subito in partita: break di 8-0 con Buterlevicius, Korniieenko e Kupsas, ma Filloy da dentro l’area chiude il parziale (52-31). Tripla di Scrubb, Filloy realizza da dentro l’area, mentre gli ospiti si scuotono con i tre punti di Siksnius (57-36).  Utena si piazza a zona, ma viene punita dalla tripla di D’Ercole. Sulla sirena Zakas trova tre punti, ma la Sidigas rimane sul +19 (65-46).

Nell’ultimo quarto gli ospiti ci provano con il solito Kupsas, ma è ancora D’Ercole a ricacciare ogni tentativo di rimonta lituana (70-50). Utena segna con Korniienko due volte, ma sono ancora le triple di Fitipaldo e D’Ercole a far male ai lituani (78-58). Avellino gioca sul velluto nonostante Utena non voglia mollare, ma Wells con 5 punti consecutivi riporta a +19 la Sidigas (85-66). Sacripanti inserisce anche Parlato e Fucci ma il risultato non cambia Avellino batte Utena 85-68 e centra la prima semifinale europea della sua storia.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *