alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie

Era accusata di calunnia: assolta miss 30enne atripaldese

Pubblicato in data: 7/4/2018 alle ore:15:39 • Categoria: CronacaStampa Articolo

È terminata nel miglior modo possibile l’avventura giudiziaria di A.R., trentenne di Atripalda, già nota alle cronache irpine e nazionali per i suoi passati televisivi e per le sfilate di moda, oltre che per i numerosi riconoscimenti di bellezza conseguiti in giro per l’Italia nelle manifestazioni di bellezza a cui ha partecipato.
L’accusa era assai grave: calunnia. Infatti la bella Miss, madre di due gemelli, era accusata di aver falsamente denunciato lo smarrimento di un assegno dato invece in pagamento ad un vivaista di Avellino per il posizionamento del prato all’interno del giardino della sua villa. In particolare il vivaista, recatosi in banca per riscuotere l’assegno dell’importo di 2.500,00 euro, non era stato pagato in quanto il titolo era stato denunciato smarrito proprio da colei che, secondo l’assunto Accusatorio, lo aveva emesso, ossia appunto l’avvenente Miss.
La donna, difesa dal suo legale di fiducia, l’avvocato Rolando Iorio, e riuscita a dimostrare la sua totale estraneità ai fatti ed in particolare la circostanza che quell’assegno non era stato mai da lei emesso. Ragion per cui il Tribunale di Avellino, nella persona del Presidente Dott.ssa Matarazzo, ha mandato assolta la donna perché il fatto non sussiste. Il Pubblico Ministero aveva invece chiesto una condanna ad anni 2 di reclusione.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *