alpadesa
  
domenica 09 agosto 2020
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Un Parco della Memoria per le vittime della strada all’ingresso della pineta Sessa

Pubblicato in data: 13/4/2018 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità

Un Parco della Memoria per le vittime della strada all’ingresso della pineta Sessa. Ad annunciarlo è stato sindaco Geppino Spagnuolo l’altra sera in occasione della fiaccolata nel giorno del compleanno di Marcello Cucciniello, il giovane atripaldese morto a soli 23 anni per un incidente stradale il 9 settembre 2015 in Thailandia, il paese asiatico dove si trovava in vacanza.
Una fiaccolata, promossa dai familiari e dagli amici del giovane, che avrebbe dovuto compiere 26 anni, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza stradale.

L’appuntamento è stato organizzato dall’associazione “Gli Amici di Marcello” volta a promuovere iniziative nel sociale al fine di offrire sostegno e assistenza alle vittime della strada e ai loro familiari.
La fiaccolata, guidata dai familiari del giovane, ha preso il via da piazzetta Di Donato, subito dopo la messa celebrata presso la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire e officiata da don Fabio. Tanti gli amici di Marcello, tra cui la Green Volley e il papà di Loredana D’Amelio morta un mese fa in un incedente stradale ad Arcella, ed amministratori che dal centro storico della città si sono incamminati insieme fino al Parco Pubblico “ex Pineta Sessa” di San Gregorio, dove la manifestazione si è conclusa con un momento di riflessione intorno all’acero canadese, dove due anni fa sono state disperse le ceneri del giovane.
«Abbiamo adottato una delibera di giunta che disciplina la dispersione delle ceneri in caso di cremazione qualora lo si volesse fare in aree pubbliche – annuncia il sindaco Geppino Spagnuolo -. Una delibera con la quale abbiamo individuato nel cimitero comunale un’area pubblica per poter effettuare eventuali future dispersione di ceneri. All’esterno del cimitero invece altre aree pubbliche non sono disponibili. L’idea è di istituire nella pineta Sessa un parco delle memoria per le vittime della strada da effettuarsi nell’area che due anni fa fu utilizzata per la dispersione delle ceneri del giovane concittadino Marcello Cucciniello. Un’area frequentata dai familiari ma anche dal gruppo di amici di Marcello. In questo ultimo periodo abbiamo raccolto una volontà diffusa di individuare quel luogo come un parco della memoria per le vittime della strada. Un’idea maturata discutendo con parecchi cittadini e la scelta ci sembra il modo giusto per dare una destinazione a quell’area che rimanga di interesse collettivo e che possa essere un luogo di riflessione e di ricordo per le vittime della strada per tutti quei giovani che hanno sofferto per queste esperienze negative e che su questi temi possano ritrovare degli spunti di riflessione per alimentare il ricordo dei loro amici e iniziative di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale».   

Per lo zio di Marcello, Giulio Urciuoli: «Sono felice di questa proposta in questo luogo dove Marcello insieme a tutti noi ha trascorso la sua gioventù e a cui era particolarmente legato e dove spesso ci riuniamo per decidere cosa fare per gli altri con la nostra associazione. Colgo l’occasione per sensibilizzare tutti i fruitori del parco a mantenerlo ordinato e pulito essendo quello un luogo di tutti».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero

L'Azienda Sanitaria Locale comunica che sono risultati positivi al COVID 19 i tamponi naso-faringei effettuati su 2 persone, residenti rispettivamente Read more

Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto

Esposto al prefetto dei cinque consiglieri comunali del gruppo "Noi Atripalda" per quanto riguarda gli ultimi episodi di violenza che Read more

Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi)

Irpiniambiente ha pubblicato i dati della raccolta differenziata dei rifiuti relativa al 2019, passando in rassegna comune per comune riferisce Read more

Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno

La pandemia non ferma la prevenzione e la promozione del territorio irpino. Si è tenuto ieri, sabato 1 agosto, il Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Un Parco della Memoria per le vittime della strada all’ingresso della pineta Sessa”

  1. Carafa della Stadera ha detto:

    SUGGERIREI:
    1) PAPA PAOLO IV CARAFA (è stato un irpino che ha dato lustro?)
    2) PREZIOSO ALFREDO (sono stati attivi per i giovani e lo sport sia il nonno che il nipote)
    3) GENGARO ALESSANDRO (avvocato giurista IN ROMA patrocinante in cassazione a soli 35 anni HA DATO LUSTRO ALLLA CITTA’?)
    4) GENGARO ALESSANDRO E PASQUALE (due fratelli che hanno fatto la campagna D’AFRICA E DI RUSSIA durante la seconda guerra mondiale ed insigniti D’ONORE ALLE ARMI) e ..poi (hanno dato alla comunita’ atripaldese gran parte del loro patrimonio)
    CREDO PENSO E SPERO CHE UNA VOLTA TANTO SI POSSANO DARE “ONORI ” A CHI HA SERVITO IL PAESE AL DI LA’ DELLA POLITICA!!!!!!!!!!!

  2. ernesto ha detto:

    non va bene un semplice parco e basta???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *