alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie

Fec, Venezia si aggiudica il primo round della finale. FOTO

Pubblicato in data: 26/4/2018 alle ore:10:41 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Il primo atto della finale di Fiba Europe Cup va alla Reyer Venezia che batte la Sidigas Avellino 69-77. I biancoverdi nonostante una buona prova non riescono a limitare la vena realizzativa degli ospiti. Nulla è compromesso e tutto è rimandato alla gara di ritorno che si giocherà mercoledì in laguna.

La partita s’infiamma: tripla di Fitipaldo, risponde Watt da sotto. Fesenko va a schiacciare mentre Tonut segna da tre. Due schiacciate consecutive di Wells danno il +4 alla Scandone dopo un canestro di Cerella (11-7). Fesenko dalla linea della carità fa 1/2, Venezia dall’altra parte del campo passa in vantaggio con due canestri in contropiede di Tonut (12-13). Avellino difende bene, ma Venezia trova i canestri di Watt; Fesenko però domina nel pitturato e riporta avanti Avellino (16-15). Daye porta avanti gli ospiti segnando da oltre l’arco, Filloy realizza in penetrazione, ma una tripla di Bramos costringe Sacripanti al time out (20-25). L’italo argentino segna con lo step back e Rich con la tripla pareggia (25-25).

Il secondo quarto inizia con le difese che prendono il sopravvento sugli attacchi: non si segna quasi mai ed il punteggio viene smosso solo dalla tripla di De Nicolao ed un canestro di Scrubb. Fesenko va a schiacciare, mentre Johnson segna dalla media distanza (29-32). Scrubb sbaglia due volte da sotto e la tripla di Jonhson porta Venezia sul +6, che porta coach Sacripanti a chiamare subito chiama time out (29-35). Parziale e contro-parziale tra le due squadre: i biancoverdi realizzano con Leunen e Fesenko, l’Umana risponde con Daye e Watt. (35-38). Avellino gioca bene ma Venezia fa il break: 2/2 di Daye e tripla di Cerella (35-43). Daye realizza da tre e poi si becca un fallo tecnico, con Leunen e Wells che accorciano dalla lunetta (40-48). Le due squadre non segnano più ed il risultato non cambia (40-48).

Inizia bene la Sidigas con Rich, risponde Daye con due liberi. I biancoverdi realizzano ancora con Rich e si riportano a -6 (44-50). Bramos segna dalla media, Wells invece realizza 4 liberi consecutivi e la Sidigas ritorna sotto (50-54). Wells continua a segnare, ma Venezia stavolta risponde con Biligha e Johnson (54-61). È proprio quest’ultimo a segnare con il piazzato ed il periodo si conclude con Rich che fa 1/2 (55-63).

Avellino parte bene con Rich e Leunen, Cerella piazza la tripla ma la Sidigas segna ancora con Lawal (61-68). Venezia prova a scappare, ma la Sidigas non ci sta e segna due volte da tre con Wells e Rich. L’umana realizza con Watt e Jenkins e Sacripanti chiama time out (67-77). Venezia gioca con il tempo, ma non riesce a realizzare. Avellino trova la schiacciata di Fesenko a 15” dal termine ed il match finisce con Venezia che batte Avellino 69-77.

 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *