alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

Fec, Venezia si aggiudica il primo round della finale. FOTO

Pubblicato in data: 26/4/2018 alle ore:10:41 • Categoria: Avellino Basket

Il primo atto della finale di Fiba Europe Cup va alla Reyer Venezia che batte la Sidigas Avellino 69-77. I biancoverdi nonostante una buona prova non riescono a limitare la vena realizzativa degli ospiti. Nulla è compromesso e tutto è rimandato alla gara di ritorno che si giocherà mercoledì in laguna.

La partita s’infiamma: tripla di Fitipaldo, risponde Watt da sotto. Fesenko va a schiacciare mentre Tonut segna da tre. Due schiacciate consecutive di Wells danno il +4 alla Scandone dopo un canestro di Cerella (11-7). Fesenko dalla linea della carità fa 1/2, Venezia dall’altra parte del campo passa in vantaggio con due canestri in contropiede di Tonut (12-13). Avellino difende bene, ma Venezia trova i canestri di Watt; Fesenko però domina nel pitturato e riporta avanti Avellino (16-15). Daye porta avanti gli ospiti segnando da oltre l’arco, Filloy realizza in penetrazione, ma una tripla di Bramos costringe Sacripanti al time out (20-25). L’italo argentino segna con lo step back e Rich con la tripla pareggia (25-25).

Il secondo quarto inizia con le difese che prendono il sopravvento sugli attacchi: non si segna quasi mai ed il punteggio viene smosso solo dalla tripla di De Nicolao ed un canestro di Scrubb. Fesenko va a schiacciare, mentre Johnson segna dalla media distanza (29-32). Scrubb sbaglia due volte da sotto e la tripla di Jonhson porta Venezia sul +6, che porta coach Sacripanti a chiamare subito chiama time out (29-35). Parziale e contro-parziale tra le due squadre: i biancoverdi realizzano con Leunen e Fesenko, l’Umana risponde con Daye e Watt. (35-38). Avellino gioca bene ma Venezia fa il break: 2/2 di Daye e tripla di Cerella (35-43). Daye realizza da tre e poi si becca un fallo tecnico, con Leunen e Wells che accorciano dalla lunetta (40-48). Le due squadre non segnano più ed il risultato non cambia (40-48).

Inizia bene la Sidigas con Rich, risponde Daye con due liberi. I biancoverdi realizzano ancora con Rich e si riportano a -6 (44-50). Bramos segna dalla media, Wells invece realizza 4 liberi consecutivi e la Sidigas ritorna sotto (50-54). Wells continua a segnare, ma Venezia stavolta risponde con Biligha e Johnson (54-61). È proprio quest’ultimo a segnare con il piazzato ed il periodo si conclude con Rich che fa 1/2 (55-63).

Avellino parte bene con Rich e Leunen, Cerella piazza la tripla ma la Sidigas segna ancora con Lawal (61-68). Venezia prova a scappare, ma la Sidigas non ci sta e segna due volte da tre con Wells e Rich. L’umana realizza con Watt e Jenkins e Sacripanti chiama time out (67-77). Venezia gioca con il tempo, ma non riesce a realizzare. Avellino trova la schiacciata di Fesenko a 15” dal termine ed il match finisce con Venezia che batte Avellino 69-77.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *