alpadesa
  
Flash news:   Atripalda, scuole chiuse fino al 29 novembre: ecco l’ordinanza del sindaco Verifica e salvaguardia degli equilibri di Bilancio 2020.2022, lunedì 30 novembre torna il Consiglio comunale ad Atripalda Coronavirus, aggiornamento Asl: 148 i positivi in Irpinia, 5 a Atripalda Coronavirus: Atripalda piange la morte di Michele, volontario tra le macerie de L’Aquila 40° anniversario del terremoto, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Profonda ferita, immensa la volontà e la forza per ripartire” Coronavirus, in Italia superati i 50mila decessi in nove mesi. In Campania 2.158 nuovi contagiati Coronavirus, il sindaco di Atripalda pronto a far slittare la riapertura di Infanzia e prima elementare al 30 novembre 40° anniversario del terremoto in Irpinia, il vescovo Aiello: “Alle 19:34 il suono delle campane delle chiese in memoria delle vittime” Coronavirus, in Campania da mercoledì 25 novembre si torna in classe per l’Infanzia e prime classi della Primaria 40° anniversario del terremoto in Irpinia: i Carabinieri commemorano le vittime del sisma e i caduti dell’Arma. VIDEO

Erba alta e periferie abbandonate, l’opposizione incalza l’Amministrazione

Pubblicato in data: 2/6/2018 alle ore:08:00 • Categoria: Politica

Erba alta e periferie abbandonate, l’opposizione incalza l’Amministrazione.  L’ex sindaco Paolo Spagnuolo, con una serie di post sul proprio profilo di Facebook, corredati da foto, denuncia che: «mentre nell’auditorium della scuola media Masi alunni e docenti manifestavano per l’ennesima volta che l’Istituto rappresenta un’eccellenza provinciale, nel parcheggio antistante campeggiavano in bella mostra i rifiuti vegetali che festeggiavano l’ottavo mese di permanenza indisturbata!».
Rifiuti vegetali che l’ex primo cittadino più volte ha accusato che non sono stati rimossi celermente.
Ma il problema delle erbacce è avvertito in molti punti dal centro alla periferia della città. Lamentele dei residenti giungono anche da parco della Acacie, dove i cittadini del quartiere denunciano lo stato di abbandono in cui versa il polmone verde di via Ferrovia tra erba alta e topi.
Anche l’ex assessore al Bilancio, Mimmo Landi, rincara la dose: «c’è poca attenzione verso la pulizia, lo spazzamento delle strade e la cura del verde pubblico. Tale fenomeno è presente soprattutto nelle periferie rispetto alle quali c’è l’assoluto abbandono. Il verde non è curato e là dove viene effettuato il taglio viene lasciato tutto lungo i cigli delle strade. Inoltre l’abbandono delle periferie lo si evince dalla cancellazione dal Previsionale 2018 dell’intervento di allargamento della strada in contrada Fellitto. In tale circostanza alcuni residenti avevano fornito la loro disponibilità a cedere a titolo gratuito anche alcune strisce di terreno. Altro fatto grave è infine legato al mancato intervento della sistemazione dei canali di gronda e di alcuni interventi di sistemazione delle coperture previste a contrada Alvanite. Per questo intervento l’Amministrazione guidata da Paolo Spagnuolo ottenne un mutuo rispetto al quale si stanno pagando le rate ed è un anno che l’intervento non è ancora partito».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Erba alta e periferie abbandonate, l’opposizione incalza l’Amministrazione”

  1. atripaldese ha detto:

    che il paese sia sporco e sotto gli occhi di tutti, basta vedere le condizioni pietose di alcuni parchi al limite della accessibilità,vedi villa comunale, parco delle accacie, pineta, strada alvanite/novesoldi, p.zza orta, spazi antistante le scuole, p.zza.umberto I e fermiamici qua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *