alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 2 nuovi positivi ad Atripalda e 69 contagiati in Irpinia Stop all’uso delle acque del torrente Fenestrelle inquinato, scatta l’ordinanza sindacale ad Atripalda Verifica e salvaguardia degli Equilibri di bilancio 2020.2022, si torna in Consiglio ad Atripalda lunedì 7 dicembre Coronavirus, sono 109 le persone positive in Irpinia oggi: 2 ad Atripalda L’opposizione solleva una pregiudiziale sui ritardi nella messa a disposizione degli atti consiliari e salta l’assise comunale ad Atripalda. Foto Coronavirus, il bollettino di oggi: 91 i positivi in Irpinia, 4 ad Atripalda. 1102 i tamponi effettuati Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso

Bucano le ruote delle auto e poi attendono che il conducente scenda per derubarlo, indagine dei Carabinieri in corso

Pubblicato in data: 24/6/2018 alle ore:08:00 • Categoria: Cronaca

Bucano le ruote delle auto nelle aree di sosta di grandi centri commerciali e poi attendono che il conducente scenda dall’auto per derubarlo di borse o borselli. E’ caccia delle forze dell’ordine agli autori  di diversi colpi messi a segno nei giorni scorsi nei parcheggi di supermercati e grandi negozi di Avellino e dell’interland del capoluogo.
A lanciare l’allarme è stato il presidente della Pro loco atripaldese Lello Labate che sulla pagina di Facebook di “sei di Atripalda se” ha scritto: «Volevo segnalare di stare attenti che ci sono dei balordi  in giro per la nostra città che stanno continuando a bucare le gomme per poi seguire le persone e derubarle come già accaduto ad un amico. Siamo già a 15 denunce , dopo l’area del Famila e del Sisa adesso l’episodio è successo in piazza ad ora di pranzo vicino alla banca. Appena notate qualcosa chiamate i Carabinieri. Passate parola!». Una passa parola che si è subito diffuso grazie anche ai social network.
La banda dovrebbe essere formata da due ragazzi alti e robusti, come descrive su Facebook una delle vittime, che a bordo  di una grande punto celeste-grigio metallizzato, stanno mettendo a segno i colpi.
Pochi episodi e non quindici come quelli denunciati ma sui quali indagano, con il massimo riserbo, da giorni i Carabinieri della locale stazione, guidati dal Comandante Costantino Cucciniello, e quelli del Comando provinciale di Avellino che hanno effettuato già diversi sopralluoghi ed intensificati i controlli sul territorio con maggiori pattuglie.
La dinamica dell’azione fraudolente dovrebbe essere la seguente: la banda buca una o più ruote dell’auto presa di mira con un coltellino. Le auto prescelte sono sempre quelle dove a bordo c’è solo il conducente.  Poi attendono che il guidatore scenda dalla macchina per vedere cosa sia accaduto. In quei pochi attimi, con scaltrezza e velocità, aprano le portiere rubando dalla macchina borse della spesa o borselli senza che l’ignaro conducente possa fare qualcosa o inseguire i ladri.
Sempre legate alle auto pochi mesi fa tra Avellino e l’hinterland sono state rubate di notte diverse gomme con le automobili lasciate sui mattoni. Auto parcheggiate in piazze o sotto casa la sera e ritrovate l’indomani senza più ruote e cerchi in lega.
Un’immagine desolante quella che è apparsa ai malcapitati automobilisti che richiama alle mente le bande di ladri specializzate in furti di pneumatici. Per loro tanta amarezza, lacrime e una spesa imprevista da dover ora subito affrontare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *