alpadesa
  
domenica 17 febbraio 2019
Flash news:   I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Il Pd riparte ad Atripalda, l’assessore Palladino: «Stasera abbiamo dimostrato che non siamo pochi quelli che hanno a cuore la rinascita». FOTO Atto vandalico allla targa degli Scout, Antonio Evangelista: «Ci auguriamo che sia l’azione di uno sciocco, ma quella frase scritta fa male» Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi”

Riciclaggio: maxi truffa, sei irpini coinvolti tra cui l’ex assessore Mimmo Landi

Pubblicato in data: 1/8/2018 alle ore:11:26 • Categoria: CronacaStampa Articolo
 Riciclaggio, associazione a delinquere, truffa è abusiva attività di raccolta fondi tramite crowdfunding. Sei gli irpini coinvolti su 40 indagati nell’inchiesta coordinata dalla Procura di Como che ha smantellato una presunta associazione a delinquere di natura transnazionale finalizzata a commettere delitti di riciclaggio e di abusiva attività di raccolta del risparmio. Le indagini hanno consentito di sequestrare 34 milioni di euro dalla guardia di finanza di Avellino e Como.
Tra gli indagati, per i quali è stato richiesto il rinvio a giudizio, c’è anche l’ex assessore al Bilancio del Comune di Atripalda, Domenico Landi, consulente fiscale che attualmente ricopre il ruolo di consigliere comunale di minoranza nella lista di Noi Atripalda.
L’associazione era finalizzata a commettere delitti di abusivismo finanziario e riciclaggio perpetrati in particolare attraverso le società estero aventi strutture a Lugano, Modena e ad Avellino: tutte prive di abilitazione ad operare in Italia in quanto mai iscritte all’albo dei soggetti autorizzati dalla Consob collocando prodotti finanziari abusivi sul territorio italiano, operando attraverso strutture operative e collaboratori, attivi in numerose città italiane, cui venivano riconosciute provvigioni.
Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *