alpadesa
  
domenica 18 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Atripalda di nuovo al centro di un caso di allontanamento, “Chi l’ha Visto?” sulle tracce di Francesco Pio

Pubblicato in data: 23/9/2018 alle ore:07:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Tornano le telecamere di “Chi l’ha Visto?” in città. Dopo le riprese effettuate per la scomparsa di Michele Sorrentino, il 45 anni di Torre del Greco che viveva ad Atripalda con la compagna e i due figli, rappresentante di materiali fotovoltaici, scomparso per oltre due mesi e rintracciato pochi giorni fa nelle vicinanze di un convento sul Lago di Garda, dal quale, così come hanno raccontato poi durante la trasmissione di Rai Tre, è nuovamente scappato lasciando ai familiari un biglietto con su scritto «Sto bene, presto torno a casa», le telecamere del programma condotto dalla giornalista Federica Sciarelli, hanno riacceso i riflettori questa volta sulla scomparsa di Francesco Pio, che tutti chiamano “Checco”, 16 anni originario di Capriglia, scomparso da Cicciano il 2 luglio scorso. Del caso, come detto, se ne sta occupando “Chi l’ha Visto”, dove i familiari, con il papà Ciro, hanno già lanciato un appello.
Checco lunedì 2 luglio partito da Atripalda è giunto in una comunità in provincia di Napoli intorno alle ore 20. Da qui intorno alle ore 22 è sparito nel nulla.
Il giovane per tre mesi, prima di approdare a Cicciano, erano stato infatti ospite nella cittadina del Sabato della casa-famiglia “Arcobaleno” in via Appia. Qui vi era giunto dopo aver avuto dei problemi con la giustizia. Da Atripalda il 2 luglio scorso viene trasferito presso la struttura del napoletano, dove ci è rimasto per solo due ore prima di fuggire via.
Si è allontanato senza dare più notizie di se. Il giovane, come hanno raccontato i familiari, pare stia vivendo un momento di fragilità e quindi necessiti di sostegno e aiuto. Il sedicenne aveva confidato ai familiari che avrebbe voluto far ritorno ad Atripalda per incontrare la ragazza di cui si era innamorato.
Il giorno in cui è scomparso aveva indosso una maglietta nera, calzoncini neri e scarpe da ginnastica nere. Ha gli occhi verdi, i capelli biondi e il naso completamente tumefatto, segno che potrebbe aiutare a riconoscerlo.
L’ultimo luogo in cui è stato visto è stato Cicciano. L’annuncio della scomparsa è stato fatto dal noto programma di Rai 3 , dedicato alla ricerca delle persone scomparse e all’analisi di casi di cronaca nera.
Si vivono così giorni di grande apprensione in Irpinia per la scomparsa del giovane, di cui non si hanno notizie ormai da quasi tre mesi. La cittadina del Sabato è finita così di nuovo al centro di un caso di allontanamento.
Due comunità, quella di Capriglia e di Atripalda, che vivono ore di ansia e preoccupazione.
E nella trasmissione di Rai Tre si rinnoverà l’appello a chi lo abbia visto in giro per l’Italia di dare notizie.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *