alpadesa
  
Flash news:   Spaccio di droga ad Atripalda, imputato ventottenne dichiarato capace di intendere e di volere e rinviato a giudizio insieme ad un coetaneo Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci

Amatori della Bici all’Eroica di Siena

Pubblicato in data: 9/10/2018 alle ore:20:38 • Categoria: Sport, CiclismoStampa Articolo

La stagione agonistica sta per terminare e gli atleti del Circolo Amatori della Bici di Atripalda trovano ancora lo spunto per colorare le ultime settimane ciclistiche dell’anno con un’ultima fatica sportiva. Antonio De Cicco, Lucio Stornaiuolo e Gerardo Visconti domenica scorsa, in Toscana, sono riusciti nell’impresa di concludere “L’Eroica”, corsa di tipo rievocativo-storico. I tre ciclisti irpini, sfidando le intemperie meteorologiche tipiche di questa stagione, hanno percorso 135 chilometri sulle strade sterrate della provincia di Siena. La manifestazione nota come l’Eroica è nata come celebrazione del ciclismo su strada, della sua storia e dei suoi valori. Unica nel suo genere, con partenza da Gagliola del Chianti ha visto 7500 ciclisti provenire da ogni parte del mondo, tutti vestiti con divise d’epoca e a cavallo di bici datate. Le strade bianche tra la Valdorcia e la Valdarbia, caratterizzate da tratti tortuosi e mai pianeggianti, sono state il vero tormento per i pedalatori. I nostri tre temerari si sono dati battaglia su percorsi, contornati da cipressi e cascine, immersi in scenari fantastici tipici del tempo che fu: una manifestazione che resterà a lungo impressa nelle menti di chi vi ha partecipato. I tre alfieri del Circolo atripaldese, sono riusciti a superare con grinta e volontà ogni sorta d’impedimento causato dall’impossibilità di adoperare le tecnologie odierne.

L’esperienza senese da lo spunto per ribadire che il ciclismo è un mondo e la bici uno stile di vita caratterizzato da mille sfumature. Le varie sfaccettature di questo fantastico sport trovano sede naturale nel Circolo di Atripalda, connubio di amicizia e passione per le due ruote a pedali!

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *