alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda

Porno ricatti via web, tre giovani nei guai tra cui un ragazzo atripaldese

Pubblicato in data: 20/10/2018 alle ore:14:10 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Porno ricatti via web, nei guai tre giovani, una coppia di Avellino e un ragazzo di Atripalda. I tre, come riporta Ottopagine.it, sono accusati, a vario titolo, di tentata estorsione aggravata, minacce e molestie o disturbo a persone. I contatti con le vittime, del capoluogo e dell’hinterland, avvenivano quasi sempre attraverso Facebook.

L’esca era un contatto con la foto profilo di donne avvenenti dai facili costumi. Poi qualche foto osè e il gioco era fatto. Si avviava infatti una fitta corrispondenza fatta di foto e immagini più o meno spinte e, non di rado, qualche conversazione compromettente. Una volta che la vittima era caduta nella rete, si apriva la seconda fase, quella del ricatto, dell’estorsione.

Alle vittime venivano chiesti soldi per comprare il silenzio e non diffondere foto e conversazioni “piccanti” a mogli e familiari. A volte i tre, è emerso ancora nel corso delle indagini, si sarebbero anche inventati situazioni hard per incastrare la vittima.

L’identikit della vittima media era l’uomo insoddisfatto della propria relazione di coppia, al punto di confidarsi, anche rivelando i segreti più intimi, a un account Facebook conosciuto da pochi minuti. Dietro quel profilo si nascondevano i tre estorsori, pronti a mettere in moto meccanismi infernali dai quali era decisamente difficile uscirne fuori senza cedere alle richieste ricattatorie.

Ora per i tre giovani potrebbe essere chiesto il rinvio a giudizio. I tre ragazzi, rappresentati dagli avvocati Loredana De Risi, Michele Fratello e in questa fase, d’ufficio, anche da Massimo Mingarelli, potranno presentare memorie difensive o chiedere di essere ascoltati dal Pm. Poi toccherà al sostituto procuratore del Tribunale di Avellino, Fabio Massimo Del Mauro, che ha chiuso le indagini, decidere se chiedere il processo.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *