alpadesa
  
Flash news:   Così non va – buca in via Aldo Moro che nessuno vede L’Atripalda Volleyball non sbaglia e vede la salvezza: vittoria 3 a 1 a Potenza Due goal per tempo e l’Avellino piega la Vis Artena Vucinic: “stiamo attraversando un periodo difficile” Venezia piega la Scandone per 76 a 65 Si amplia la sosta a pagamento in via Appia: strisce blu in arrivo dalla rotatoria della Maddalena fino al passaggio a livello. L’assessore Musto: “tutelati residenti e commercianti” “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce

Halloween sicuro, maxi sequestro di prodotti asiatici irregolari anche ad Atripalda

Pubblicato in data: 24/10/2018 alle ore:11:18 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Halloween sicuro, controlli a tappetto della Guardia di Finanza di Avellino. Sono stati sequestrati oltre 284.500 articoli potenzialmente pericolosi per la salute soprattutto dei più piccoli ed abusivamente immessi sul mercato. I Finanzieri hanno rilevato violazioni alla normativa di settore posta a tutela della salute dei consumatori in negozi gestiti da cittadini cinesi dislocati sia ad Avellino che ad Atripalda.

Cosmetici, gadget e soprattutto maschere erano sugli scaffali, pronti per la vendita in occasione della festa di “halloween”. I finanzieri del nucleo mobile della compagnia di Avellino hanno rilevato diverse irregolarità sulla merce, di provenienza asiatica: non riportavano la denominazione merceologica, i dati dell’importatore, la presenza di materiali o sostanze potenzialmente tossiche.

Inoltre, su alcuni articoli non era presente il marchio di garanzia di produzione CE. I cosmetici sequestrati dalla guardia di finanza – anche questi destinati ai trucchi di Halloween – sono risultati privi delle certificazioni richieste dalle norme comunitarie.

La mancanza delle indicazioni obbligatorie rende il prodotto potenzialmente dannoso per chi lo utilizza, in quanto non è assicurato il rispetto dei requisiti di produzione e l’utilizzo di elementi chimici non tossici per la salute. Per le violazioni riscontrate al codice del consumo, ai due titolari sono state comminate sanzioni pari, nel massimo, a 25.800 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 4,33 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *