alpadesa
  
domenica 31 maggio 2020
Flash news:   Coronavirus, su 190 tamponi effettuati in Irpinia un solo caso positivo: è di Prata P.U. Coronavirus, calano i contagi (+416) ma i morti salgono a 111 «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città. VIDEO Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Fontana, strade, tomba funeraria romana nel degrado ad Atripalda: scatta la denuncia sui social. Foto Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593

Assolta donna di Alvanite accusata di furto aggravato con mezzo fraudolento e di danneggiamento

Pubblicato in data: 25/10/2018 alle ore:23:50 • Categoria: Cronaca

Assolta donna di Atripalda accusata di furto aggravato con mezzo fraudolento e di danneggiamento nel comune di Lauro.
Una donna di 48 anni, C.S. le sue iniziali, residente in contrada Alvanite, era accusata dal Commissariato di Polizia di Stato di Lauro di aver danneggiato le porte d’ingresso di un immobile sito nel comune di Lauro e di essersi introdotta al suo interno per rubare energia elettrica.
Il tutto attraverso la manomissione del contatore Enel e prelevando energia elettrica, collegandosi direttamente sull’alimentazione mediante un cavo elettrico, senza passare per il contatore, per la durata di un anno nel periodo compreso tra gennaio 2015 e febbraio 2016.
La 48enne era accusata di essersi impossessata impropriamente di energia elettrica per un importo di circa duemila euro.
La signora atripaldese, difesa dagli avvocati penalisti Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, è stata assolta con formula piena dal Tribunale di Avellino per non aver commesso il fatto dopo un lungo dibattimento durato per più di un anno, dopo aver ascoltato numerosi testimoni sia dell’accusa, tra cui due ispettori di Polizia, che della difesa.
Il giudice monocratico del Tribunale di Avellino, dottoressa Francesca Spella, ha accolto infatti in pieno la tesi difensiva degli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi e ha assolto con formula piena, ex articolo 530 del codice di procedura penale, la donna riconoscendola estranea alla vicenda e ai fatti contestati.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Fiamme in un appartamento di via Appia ad Atripalda: intervengono i Vigili del Fuoco. Nessun ferito. Foto

Intorno alle ore 15:00 di oggi 20 Maggio, i Vigili del Fuoco di Avellino sono intervenuti ad Atripalda in via Read more

Automezzi incendiati nella notte nei pressi del casello autostradale di Avellino Est: torna l’ombra del racket

Torna l’ombra del racket nell’hinterland avellinese è a pochi passi da Atripalda. Vigili del Fuoco di Avellino, alle ore 00'15 Read more

Questura, cambio di guardia alla Squadra mobile: arriva Gianluca Aurilia

E' stato presentato questa mattina presso la Questura di Avellino il nuovo capo della Squadra mobile Gianluca Aurilia che andrà Read more

Addio a Ezio Bosso, l’omaggio al Maestro nei versi di Gabriele De Masi

Tra tanti accordi e note, la dissonanza della viva parola rende il volto sacro della coraggiosa esistenza, vissuta nella dignitosa Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *