alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie

Inferno di lamiere in via Appia: tre automobilisti salvi per miracolo. FOTO

Pubblicato in data: 29/10/2018 alle ore:19:32 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Attimi di terrore e paura si sono vissuti questo pomeriggio in via Appia ad Atripalda. La forte raffica di vento che si è abbattuta sulla città nel pomeriggio ha  spazzato via, intorno alle 17, l’intera facciata laterale in lunghe lastre du lamiera del Palazzo Vitale di via Appia ad Atripalda.
Oltre venti metri di lamiera posti a coibentazione dello stabile sono volati via sulle auto in transito.
Tre conducenti sono salvi per miracolo. Sulle loro due auto si sono accartocciate le lamiere distruggendole completamente.
Sul posto Carabinieri, Vigili del Fuoco, agenti della Polizia Municipale e Protezione Civile.
La strada è attualmente chiusa al traffico veicolare.
Notizie in aggiornamento

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *