alpadesa
  
Flash news:   Nuova centralina dell’Arpac per il rilevamento delle polveri sottili in via Pianodardine sul tetto della “Masi”, il sindaco: “richiesta al tavolo in Prefettura, no alla fonderia” I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Il Pd riparte ad Atripalda, l’assessore Palladino: «Stasera abbiamo dimostrato che non siamo pochi quelli che hanno a cuore la rinascita». FOTO Atto vandalico allla targa degli Scout, Antonio Evangelista: «Ci auguriamo che sia l’azione di uno sciocco, ma quella frase scritta fa male» Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni

Prosciolto da ogni accusa per prescrizione il quinto indagato dell’inchiesta buste paga gonfiate al Comune di Atripalda

Pubblicato in data: 21/11/2018 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Prosciolto da ogni accusa per prescrizione il quinto indagato dell’inchiesta buste paga gonfiate al Comune di Atripalda. Ieri mattina si è celebrata l’udienza per i rimborsi non dovuti esplosa nel 2015 al comune del Sabato.
A.M., le sue iniziali, in servizio presso il settore IV- cimiteriale è comparso dinanzi al Giudice del Tribunale avellinese, dottoressa Sonia Matarazzo, accompagnato dai suoi legali di fiducia, gli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, per difendersi dall’accusa di truffa e falso ideologico. Il Pubblico Ministero Vincenzo D’Onofrio lo accusava di: «aver agito in concorso con altri dipendenti comunali abilitati all’inserimento nel sistema Halley delle singole voci stipendiali, con pluralità di azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, in tempi diversi e in violazione della medesima disposizione di legge, mediante artifici, consistiti nell’inserirsi e aggiungere arbitrariamente con l’ausilio del personale abilitato, nel sistema informatico in uso al Comune, voci stipendiali non dovute fuori base imponibile».
I legali del dipendente comunale, Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, dichiarano: «stamane (ieri ndr.) prima dell’apertura del dibattimento questa difesa ha eccepito al giudice la intervenuta prescrizione dei reati contestati perché i fatti risalgono all’aprile 2011 e sono trascorsi più di sette anni e mezzo, termine massimo per la prescrizione dei reati di truffa e falso. Il pubblico ministero ha espresso parere conforme e il giudice Sonia Matarazzo ha emesso sentenza di proscioglimento dell’imputato ex articolo 129 cpp». Soddisfatti i difensori i quali sono stati sempre convinti dell’innocenza del dipendente comunale considerandolo completamente estraneo ai fatti contestati: «difatti non ha mai ricoperto, neanche temporaneamente qualifiche dirigenziali, che gli avrebbero permesso attraverso l’utilizzo e il possesso delle password di entrare nel sistema Halley e modificare a suo piacimento le buste paga. Il ruolo del dipendente è esterno all’ambiente comunale perché addetto al settore cimiteriale. Inoltre non ha alcuna dimestichezza con le tecnologie informatiche. Le somme contestate non risultano accreditate sul conto corrente del nostro cliente e non era in suo potere emettere il bonifico relativo alla cessione del quinto dello stipendio. Con questa sentenza di proscioglimento chiederemo l’archiviazione definitiva del procedimento amministrativo a carico del dipendente».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *