alpadesa
  
Flash news:   Blitz di Alto Calore e Carabinieri a contrada Alvanite: scoperti 8 casi di furti d’acqua Sosta a pagamento, la selezione per i quattro ausiliari al traffico accende lo scontro politico È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta” Serie B, l’Atripalda Volleyball cade in casa contro Taranto

L’ Atripalda Volleyball cade in casa della capolista: Ottaviano trionfa 3 a 0

Pubblicato in data: 26/11/2018 alle ore:13:49 • Categoria: Sport, PallavoloStampa Articolo

Nuova sconfitta per l’Atripalda Volleyball che esce sconfitta nettamente in casa della capolista Emra Foods Ottaviano: 3 a 0 il risultato finale. Una gara a senso unico gia dalle prime battute in cui la formazione atripaldese non ha saputo opporre resistenza alla forte formazione napoletana che dal canto suo è arrivata la settima vittoria in altrettante partite conquistando altri tre punti importanti e confermandosi alla guida della classifica del girone G della classifica del campionato di serie B maschile. I parziali la dicono tutta sul match: 25-16, 25-20, 25-17. Una partita durata poco più di un’ora quella disputata al palazzetto dello sport di Ottaviano dove Libraro e compagni che hanno dimostrato di essere una squadra forte e sicura dei propri mezzi e che difficilmente abbandonerà il ruolo di capoclassifica. Il mister atripaldese scende in campo con la solita formazione iniziale: Colarusso e Salerno a formare la diagonale d’attacco, di banda Picariello e Rescignano, al centro Mitidieri e Silvestri e Marra libero. Un avvio tutto di marca Gis con la squadra di Libraro che mette subito le cose in chiaro e parte forte portandosi con il primo break sul 12 a 8. Al rientro in campo Atripalda non reagisce e Ottaviano ne approfitta piazzando un altro break portandosi sul 21 a 15 e gestendo bene il vantaggio chiude il set con il punteggio di 25 a 16. Stesso copione nel secondo set con l’Atripalda Volleyball sempre costretta ad inseguire e dopo una prima fase in cui Picariello e compagni tentano di restare agganciati, dopo il time out tecnico la Gis mette la freccia e si porta sul 19 a 14 e gestendo il vantaggio riesce a chiudere con il punteggio di 25 a 20. Terrificante per i biancoverdi l’inizio del terzo set con cui i padroni di casa scavano il solco decisivo portandosi sul 10 a 2. Set oramai compromesso e Atripalda riesce a limitare i danni solo grazie ad una fase di rilassamento dei napoletani che chiudono sul 25 a 17. Che era una gara difficile lo si sapeva fin dalla vigilia ma purtroppo la formazione atripaldese è mancata soprattutto negli atteggiamenti giusti: senza mordente, senza voglia e soprattutto senza cattiveria agonistica. Si può perdere ma non in questo  modo: senza opporre la minima resistenza. Queste sono gare in cui bisognerebbe dare il centodieci per cento per conseguire un importante obbiettivo che è e rimane la salvezza. Ora di fronte la formazione biancoverde ha di fronte due gara decisive e di vitale importanza: con Potenza e Aversa, fanalini di coda della classifica. Bisognerà subito ritrovere i giusti atteggiamenti e la giusta convinzione per tirare dritti verso l’obbiettivo stagionale: la salvezza.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *