alpadesa
  
Flash news:   Blitz di Alto Calore e Carabinieri a contrada Alvanite: scoperti 8 casi di furti d’acqua Sosta a pagamento, la selezione per i quattro ausiliari al traffico accende lo scontro politico È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta” Serie B, l’Atripalda Volleyball cade in casa contro Taranto

Venezia affonda la Sidigas al Paladelmauro. FOTO

Pubblicato in data: 26/11/2018 alle ore:12:22 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Venezia vince 49-79. Gli irpini già orfani di Costello, hanno dovuto fare a meno anche di Nichols infortunatosi nelle ore che precedevano il match. La squadra di Vucinic ha provato a contrastare il team lagunare, che ha però  condotto il match dall’inizio alla fine.

Primo quarto (14-20): Tutto pronto alla palla a due, questo lo starting five schierato da coach Vucinic: Cole, D’Ercole, Filloy, Green e Ndiaye; coach De Raffaele contrappone Haynes, Stone, Bramos, Daye e Vidmar. E’ un inizio super equilibrato ad inaugurare l’8u00b0 giornata del campionato Legabasket Serie A: la Reyer si scalda subito al tiro con Haynes, Daye e Bramos, la Sidigas risponde con Filloy, Green e Cole (8-11 a 5:18 dalla fine del primo quarto). Green col 2/2 ai liberi riporta i biancoverdi ad una solo punto di svantaggio ma la Reyer ricaccia indietro ogni tentativo con la tripla di Stone e la schiacciata di Vidmar (10-16): coach Vucinic ricorre al time-out. La Sidigas non trova più la via del canestro e Venezia ne approfitta per piazzare il parziale di 9-0 che regala il +10 agli orogranata (10-20). Ci pensano Cole e Filloy a rompere il silenzio biancoverde mettendo a referto 4 punti consecutivi, con il primo periodo che termina sul punteggio di 14-20.

Secondo quarto (25-43):  Break di 5-2 per gli irpini grazie alla precisione al tiro di Sykes e all’1/2 dalla lunetta di Spizzichini (19-22). La Reyer replica con il parziale di 6-0 che non permette ai biancoverdi di accorciare le distanze: coach Vucinic non indugia oltre e ricorre nuovamente al minuto di sospensione (19-28 a 6:40 dall’intervallo lungo). Venezia non lascia respiro alla Sidigas e con i soliti Vidmar, Daye e Tonut ne approfitta per portarsi sul +15 (20-35 a 3:20 dal termine del quarto). Avellino si sblocca grazie al solo Norris Cole, ma per i lagunari sale in cattedra il solito Haynez, mortifero dai 6 metri, a dare alla Reyer il +18 (25-43).

Terzo quarto (31-59): Nei primi di gioco non si segna quasi mai: Cole ci prova ma è poco preciso, dall’ altro lato peccano di precisione sia Haynes e che Stone. Il numero 0 veneziano sblocca la gara con la tripla. Ci prova Filloy, ma Venezia scappa con il solito Haynes (27-52). 4 punti di fila per la Sidigas che ci prova in tutti i modi con Ndiaye e Filloy. Venezia però con Daye da tre allarga di nuovo la forbice (31-57). Si segna poco lo fa solo Venezia con Tonut (31-59).

Quarto quarto (49-79): Ndiaye segna da dentro l’area, Filloy realizza da tre. Venezia non sta a guardare e va a segno con Watt e Biligha (36-63). I lagunari trovano i punti facili di Watt, Tonut e Giuri, torna segnare anche Cole ma il solito Daye segna da tre (42-77). Ultimi minuti di accademia per le due squadre. Gli ultimi ad arrendersi sono Sykes e Ndiaye ma Venezia vince 49-79.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *