alpadesa
  
Flash news:   Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere”

Settanta anni dalla Costituzione, mostra e convegno in Comune promosso dal liceo scientifico “De Caprariis” con il professor Marenghi. FOTO

Pubblicato in data: 2/12/2018 alle ore:07:30 • Categoria: Attualità, Cultura

«La promozione della Costituzione nelle scuole è vincente e necessaria. Civiltà giuridica e patrimonio artistico vivono di valori che sono il sale della terra comune. La norma che fa storia e l’opera artistica che rende libera l’emozione si offrono in un insieme perfetto. L’arte possiede e trasmette universalità. La norma costituzionale è popolo, storia, religione, cultura, economia, società. Il connubio perfetto renderà l’arte valore universale regolatore ed i principi costituzionali valori simbolo e memoria di un popolo. Tutto il resto sarà diritto minore». Settanta anni fa entrava in vigore la Costituzione Italiana, anima ed essenza della Democrazia Italiana e il professor Enzo Maria Marenghi dell’Università degli Studi di Salerno è intervenuto ieri mattina presso la Sala consiliare di Atripalda alla presentazione del progetto “Genius Loci” promosso dai docenti e allievi del Liceo Scientifico “V. De Caprariis” che hanno realizzato una mostra di fotografie di opere d’arte, che dopo il tragico sisma del 1980 sono state custodite presso il Museo del Palazzo della Dogana dei Grani.
Il messaggio che l’accademico lancia ai tantissimi studenti presenti è «di essere eroi ognuno di loro senza aspettare lo Stato. Tutti dobbiamo fare qualcosa nel villaggio globale. L’articolo 2 della Costituzione è quello dei doveri».
Un progetto sposato con entusiasmo dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, come spiega il dirigente del Miur regionale Attilio Lieto che ha scelto proprio la scuola del Sabato tra molte: «Quest’iniziativa è stata fortemente voluta dall’USR anche perché conoscevo la storia di Atripalda, le tradizioni e quello che poteva dare. Un progetto che mette in luce le competenze che debbono acquisire i ragazzi unite alle conoscenze. Infatti quest’unione tra arte e Costituzione ha reso possibile un lavoro interdisciplinare all’intero della scuola che è valorizzato da quello che il territorio di Atripalda ha. Si è così riusciti a dar vita ad un’iniziativa che porterà fuori tante cose che non si conoscono. Un’iniziativa che ha colto nel segno. Bravi i ragazzi che si sono impegnati e hanno fatto un ottimo lavoro con la mostra».
Un progetto che si propone di sviluppare la relazione e lo scambio tra museo e scuola, stimolare il pensiero tra l’osservazione delle opere d’arte e la lettura degli articoli della Costituzione Italiana. Al termine del convegno nella sala d’ingresso al Palazzo Municipale inaugurata la mostra. «Era doveroso festeggiare questo evento dei 70 anni della Costituzione – spiega la dirigente scolastica del liceo atripaldese Maria Berardino – e noi abbiamo pensato di agganciarci alla realtà storico e culturale del territorio. Un’idea molto bella, quella di sposare una Costituzione che è ancora via e vitale con la custodia del patrimonio culturale di cui Atripalda è ricchissima». Tra i relatori la referente del progetto professoressa Carmen Aquino coadiuvata dai docenti Mafalda De Rienzo e Carmine Maraia.
Per l’assessore all’Istruzione, il vicesindaco Anna Nazzaro, infine: «Come Amministrazione abbiamo accolto con interesse l’invito a collaborare e patrocinare il progetto. Ci inseriamo in un contesto di celebrazioni per i 70 anni dalla Costituzione e abbiamo fatto un lavoro di interazione con il liceo De Caprariis per sensibilizzare i giovani su queste iniziative culturali ma anche di conoscenza del nostro territorio. Oggi è una tappa della collaborazione e l’auspicio e di poter lavorare sempre così in sinergia».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore”

C’è stata grande soddisfazione per la giornata di sabato 27 giugno, quando si è festeggiato il terzo anniversario della nascita Read more

Ultimo giorno di scuola, il gruppo civico “IDEA Atripalda” propone di viverlo all’aperto

Molti comuni stanno organizzando un ultimo giorno di scuola da vivere non dietro lo schermo di un pc o di Read more

“Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista

Il 25 maggio del 1905 nasceva il grande meridionalista. Frammenti del suo rapporto con la Provincia di Avellino: Quando Manlio Read more

Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

Santa Rita, anche senza processione, è sempre preghiera fervida di sincere donne penitenti e devote per l'intercessione dei casi difficili. Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *