alpadesa
  
Flash news:   Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda. Culla Marallo-Pacia, auguri alla famiglia

I biancoverdi cedono al Nizhny Novogorod per 71-92

Pubblicato in data: 13/12/2018 alle ore:13:10 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Dopo la vittoria in campionato la Sidigas è ritornata sul parquet per la Basket Champions League. I biancoverdi nella prima di ritorno hanno ceduto al Nizhny Novogorod 71-92. I biancoverdi di coach Vucinic non sono stati mai in partita. Le note positive sono state l’esordio di Young (6 punti e 8 rimbalzi) e la prestazione di un solido Nichols (25 punti e 11 rimbalzi).

Primo quarto (16-24): Alla palla a due coach Vucinic schiera Filloy, Cole, Nichols, Green e Ndiaye; coach Lekic contrappone Strebkov, Baburin, Astapkovich, Uzinskii e Popov. Partono forte i russi che con un 2/2 da tre di Strebkov si portano sul +6. Avellino sbaglia troppo in attacco ma si sblocca con Nichols che segna dalla media (2-6). Il Nizhny segna trova la conclusione solo con Strebkov, Cole entra in partita concretizzando un 2+1 mentre Ndiaye realizza alla sua maniera (9-11). Young realizza i primi punti biancoverdi dalla lunetta, gli ospiti però con il tiro dalla lunga distanza piazzano il parziale con Perry e Kolomov: coach Vucinic ricorre al time-out (13-22). Avellino prova ad avvicinarsi dalla lunetta con Young (1/2) e Sykes (2/2), ma il Novgorod rimane avanti (16-24).

Secondo quarto (30-43): Avellino prova subito ad avvicinarsi grazie ai canestri di Green e Sykes, dall’altro lato i russi segnano solo con Popov (20-28). Astapkovic e Uzinskii segnano con la schiacciata ma sono i punti di Ndiaye e Cole a tenere in partita Avellino (23-32). Dragicevic segna appoggiando al vetro il +11 ospite ma Cole si mette in proprio costringendo Lukic al time-out (26-34). La partita sale di tono: Filloy segna 4 punti consecutivi, rispondono gli ospiti con Popov e Strebkov mentre Young fa 1/2 dalla lunetta e Perry fa lo stesso mandando le squadre nello spogliatoio sul 30-43.

Terzo quarto (54-73): Al ritorno dall’intervallo lungo il Novgorod piazza subito il break di 11-0 con Strebkov e Popov, dopo un antisportivo chiamato a Ndiaye (30-54). Avellino però reagisce e piazza un parziale di 11-3 con i canestri di Nichols, Green e Young (41-58). La Sidigas ci prova in tutti i modi ma le triple degli ospiti fanno male ai biancoverdi che, con Cole e Sykes,  provano una reazione (48-65). Nichols e Green con i liberi ci provano ma è ancora Perry con la tripla a realizzare (54-73).

Quarto quarto (71-92): Popov apre l’ultimo periodo con la schiacciata. Nichols segna da tre e dalla media, Young fa 1/2. Vucinic protesta e si becca un tecnico e Strebkov non sbaglia (62-81). I biancoverdi provano a reagire ma i canestri di Perry fanno male ad Avellino che prende l’ennesimo tecnico stavolta ai danni di D’Ercole (67-86). Gli ultimi minuti servono solo ad aggiustare le statistiche Novogorod batte Avellino 71-92

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *