alpadesa
  
Flash news:   Furti nei garages di via San Giacomo e altre zone di Atripalda: al via il processo Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo

Irpinia: culle vuote, 71 i nati ad Atripalda nel 2017

Pubblicato in data: 13/12/2018 alle ore:11:17 • Categoria: Attualità

Culle vuote in Irpinia, sono appena 3004 i nuovi nati in provincia di Avellino nel 2017. L’Istat ha reso noto che in tutta Italia, negli ultimi tre anni, ci sono stati 15mila nati in meno. Una tendenza che rende alcune zone del nostro paese a rischio desertificazione. Il calo che si continua a registrare in Irpinia per quanto riguarda le nascite è davvero rilevante. Rispetto al 2016 ci sono stati 72 nati in meno.
Le coppie giovani non fanno più figli e cosa peggiore sono tante quelle che decidono di emigrare. Con la conseguenza che tanti comuni della provincia, da qui a pochi anni, saranno abitati solo da anziani.
Ad Atripalda nel 2017 si registrano 71 nuovi nati rispetto ai 66 del 2016.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *