alpadesa
  
domenica 24 marzo 2019
Flash news:   Si amplia la sosta a pagamento in via Appia: strisce blu in arrivo dalla rotatoria della Maddalena fino al passaggio a livello. L’assessore Musto: “tutelati residenti e commercianti” “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO

All’alba straripa di nuovo il Fenestrelle: strada chiusa sul ponte delle Filande. FOTO

Pubblicato in data: 17/12/2018 alle ore:18:07 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Una vera e propria bomba d’acqua ha colpito anche il capoluogo irpino questa mattina. Ore di pioggia battente con tuoni e fulmini hanno ingrossato i fiumi anche nel territorio irpino.
Superlavoro per i vigili del fuoco. Transennata la strada che collega Atripalda ad Avellino all’altezza del Ponte delle Filande. Il fiume Fenestrelle è straripato invadendo la carreggiata con acqua, detriti e fango. La strada è rimasta chiusa per consentire ad una pala meccanica della ditta Pastore di rimuovere da sotto il ponte grossi tronchi che ostruivano il deflusso dell’acqua.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *