alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

Mentre il prete celebra la messa nella chiesa del Carmine gli rubano soldi e cellulare. Primavera Irpinia: “troppi furti, la stazione dei Carabinieri va potenziata”

Pubblicato in data: 18/12/2018 alle ore:09:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Mentre il prete celebra la messa gli rubano soldi e cellulare. A subire il furto è Don Emanuele mentre in chiesa sabato sera stava dicendo messa. Il ladro o i ladri gli hanno rubato dalla sacrestia il suo portafogli contenente circa 200 euro delle offerte e il telefonino. Don Emanuele stava celebrando la messanella chiesa del Carmine, in via Roma, sostituendo il parroco Don Ranieri Picone.
L’ultima messa in chiesa prima che iniziasse la Notte bianca lungo la strada dello shopping cittadino che dalle 18 è stata chiusa al traffico.
Soldi e cellulare portati via mentre lui, di fronte ai fedeli, stava dicendo messa. Una brutta serata per il parroco. Il ladro ha sfruttato l’ora, il tardo pomeriggio, con le giornate ormai più corte e il buio che arriva prima rendendo più difficile identificare i malintenzionati. Si è cosi introdotto nella sacrestia, lasciata aperta e incustodita, per compiere il colpo.
Solo sabato sera, prima di chiudere i portoni del luogo di culto, Don Emanuele si è accorto di non avere più portafogli e cellulare. I sospetti cominciano a salire, poi la brutta scoperta.

Un crescendo di furti non solo in città  ma anche nell’hinterland, come la vicina Manocalzati, tanto da spingere “Primavera Irpinia” locale a chiedere che venga potenziata la stazione dei Carabinieri diAtripalda. «Il comitato della cittadina Manocalzatese della associazione politico-culturale Primavera Irpinia, auspica maggiori controlli al fine di contrastare i furti che si stanno verificando ormai da mesi, portando la cittadinanza nel piùtotale sconcerto. Pur dando atto che i Carabinieri della locale stazione sistanno adoperando in ogni modo possibile per contrastare e arginare il fenomenodei furti, auspica a beneficio della cittadinanza tutta, un rafforzamento del presidio del territorio comunale nonché l’adozione di ogni misura necessaria atta a garantire la sicurezza e l’incolumità della cittadinanza. La speranza del comitato locale dell’associazione Primavera Irpinia Manocalzati è che questi piccoli accorgimenti possano porre fine all’ondata di furti che ha colpito la città negli ultimi mesi».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *