alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Calcio, l’Abellinum cala il tris Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO

Quarto anniversario scomparsa Elio Parziale, il ricordo di Lello Barbarisi

Pubblicato in data: 6/1/2019 alle ore:20:26 • Categoria: CronacaStampa Articolo

«Una foto che dice tutto sul carattere della persona e della figura di Elio Parziale». Lo vuole ricordare così, nel quarto anniversario dalla scomparsa, l’ex delegato alla Cultura Lello Barbarisi.
Uno scatto del 1996 che lo ritrae nella Dogana Dei Grani di piazza Umberto. In corso c’era la manifestazione “Stelle di Natale”, organizzata dalla Pro Loco, dall’assessorato alle Politiche giovanili e dalla scuole cittadine. Quattrocento angeli in coro. E’ sabato 21 dicembre 1996, a pochi giorni dal Natale. Nella foto con il direttore Elio Parziale e Lello Barbarisi ci sono anche gli ex assessori Tony Troisi e Giacomo Foschi.
«Una foto molto bella e significativa che fa parte del mio archivio personale – prosegue Barbarisi -. Lo si vede nella foto quasi in disparte, in un angolo, lontano dalla ribalta, dal palcoscenico e dai riflettori che erano poco più avanti. Con tutto la preoccupazione  che naturalmente non lasciava trasparire, visto che in quella circostanza con me, Tony Troisi, Giacomo Foschi e il sindaco dell’epoca, il dottor Gerardo Capaldo, ci eravamo assunti la responsabilità di lasciare entrare mille e seicento persone nella Dogana dei Grani. Un evento bellissimo che arrivava ogni fine anno. Un evento di solidarietà. Era il 1996, circa ventidue anni fa quando evidentemente anche la burocrazia era meno possente e quando l’entusiasmo era di tutt’altro tipo. E quindi questo vuole essere il mio ricordo per Elio e un abbraccio caloroso a Margherita e Antonio. Un amico fraterno il cui ricordo resta sempre vivo, mente insostituibile e incolmabile direi resta quello di rappresentante delle Istituzioni. Credo che la città, fra qualche anno, non appena saranno maturati i tempi, dovrà certamente fare in modo da ricordarsene».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 3,33 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *