alpadesa
  
Flash news:   Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate

Accusato di danneggiamento aggravato, 54enne atripaldese assolto dal giudice

Pubblicato in data: 24/1/2019 alle ore:07:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Assolto per non aver commesso il fatto. Un uomo di Atripalda, le cui iniziali sono A.M, di 54 anni, difeso dagli avvocati  Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, era stato accusato di danneggiamento aggravato su bene esposto alla pubblica fede per aver danneggiato un’autovettura parcheggiata nel piazzale antistante alcune palazzine di contrada Alvanite, il popoloso quartiere periferico della cittadina del Sabato.
I fatti risalgono a luglio del 2016 quando i Carabinieri della locazione Atripalda, guidati dal maresciallo maggiore Sullutrone intervennero in via Madre Teresa di Calcutta in seguito alla segnalazione di alcuni residenti che lamentavano il danneggiamento della loro autovettura parcheggiata di notte nel piazzale.
Gli uomini della Benemerita effettuarono dei rilievi sul posto, scattando numerose foto e ascoltando per sommarie informazioni in caserma alcuni condomini.
A seguito di un lungo dibattimento in cui è stato escusso il maresciallo Sullutrone e acquisita agli atti la sua annotazione di servizio,sono stati ascoltati i testimoni dell’accusa e interrogato l’uomo di Atripalda accusato del reato.
La Pubblica accusa aveva chiesto di confermare la responsabilità penale del 54enne chiedendo la condanna a 4 mesi di reclusione mentre i legali della difesa, Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, hanno contestato le tesi del Pubblico ministero chiedendo l’assoluzione con formula piena.
Il giudice monocratico del Tribunale di Avellino, in persona della dottoressa Francesca Spella, ha accolto in pieno la tesi difensiva ed ha assolto A.M,  per non aver commesso il fatto.
I legali si dichiarano soddisfatti in quanto avevano sin dall’inizio creduto nell’innocenza del proprio assistito. 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *