alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi

Dramma a Cardito, ucciso di botte a sette anni dal compagno della mamma

Pubblicato in data: 28/1/2019 alle ore:12:03 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Ucciso di botte dal compagno della mamma. Si sarebbe accanito contro il piccolo di appena sette anni con una scopa, a più riprese e non in un unico momento di follia. Stessa scopa utilizzata anche contro la sorellina di otto anni. La madre avrebbe spiegato agli inquirenti di non essere presente al momento delle aggressioni. È questo il dramma andato in scena sabato notte a Cardito, comune alle porte di Napoli. Il bambino è stato ritrovato morto sul divano di casa mentre la sorella maggiore è stata ricoverata d’urgenza in ospedale al Santobono. Illeso un terzo figlio, il più piccolo di 4 anni. La bambina aveva il volto completamente tumefatto, ma non è in pericolo di vita. La donna, 30enne del posto, e il compagno 24enne italiano di origini tunisine, sono stati condotti prima in commissariato ad Afragola, e poi negli uffici della squadra mobile di Napoli in Questura. I due vivevano in zona da anni. In serata è arrivata la notizia del fermo dell’uomo, la cui versione dei fatti non ha convinto gli inquirenti. A raccontare quanto accaduto nella notte e quei terribili attimi di violenza è stata la bambina ai sanitari dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli riferendo utili informazioni che serviranno a ricostruire la dinamica dell’episodio.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *