alpadesa
  
Flash news:   Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano

Dramma a Cardito, ucciso di botte a sette anni dal compagno della mamma

Pubblicato in data: 28/1/2019 alle ore:12:03 • Categoria: Cronaca

Ucciso di botte dal compagno della mamma. Si sarebbe accanito contro il piccolo di appena sette anni con una scopa, a più riprese e non in un unico momento di follia. Stessa scopa utilizzata anche contro la sorellina di otto anni. La madre avrebbe spiegato agli inquirenti di non essere presente al momento delle aggressioni. È questo il dramma andato in scena sabato notte a Cardito, comune alle porte di Napoli. Il bambino è stato ritrovato morto sul divano di casa mentre la sorella maggiore è stata ricoverata d’urgenza in ospedale al Santobono. Illeso un terzo figlio, il più piccolo di 4 anni. La bambina aveva il volto completamente tumefatto, ma non è in pericolo di vita. La donna, 30enne del posto, e il compagno 24enne italiano di origini tunisine, sono stati condotti prima in commissariato ad Afragola, e poi negli uffici della squadra mobile di Napoli in Questura. I due vivevano in zona da anni. In serata è arrivata la notizia del fermo dell’uomo, la cui versione dei fatti non ha convinto gli inquirenti. A raccontare quanto accaduto nella notte e quei terribili attimi di violenza è stata la bambina ai sanitari dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli riferendo utili informazioni che serviranno a ricostruire la dinamica dell’episodio.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Crollano calcinacci da alcuni balconi a contrada Alvanite: paura e proteste tra i residenti. Foto

Per fortuna solo tanta paura per i residenti di Contrada Alvanite dopo il crollo di calcinacci da alcuni balconi.  Ieri Read more

Incrocio pericoloso ad Atripalda: ennesimo incidente stradale lungo via Gramsci

Ennesimo incidente stradale lungo via Gramsci ad Atripalda. Paura nel primo pomeriggio di ieri all’altezza del pericoloso incrocio che dà Read more

Lite tra vicini a contrada Alvanite, in corso il processo: la donna ha chiesto un risarcimento per minacce di morte

“Ti sgozzo, ti taglio la gola. Se salgo sopra ti butto giù dal balcone”. Sarebbero  queste,  secondo l’accusa formulata dalla Read more

Furto al negozio di elettronica di Atripalda, due giovani identificati e denunciati dai Carabinieri

Furto aggravato in concorso: è questa l’accusa di cui dovranno rispondere due giovani di Avellino, denunciati dai Carabinieri della Stazione Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *