alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di AtripaldaNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50 Lupi ancora sconfitti, contro la Paganese finisce 3-1 Vincenzo Aquino eletto nuovo coordinatore delle Misericordie della provincia di Avellino Atti vandalici ai danni dell’ex scuola Primaria “Mazzetti” di via Manfredi

Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, ex dipendente licenziata chiede il reintegro nel posto di lavoro

Pubblicato in data: 1/2/2019 alle ore:14:03 • Categoria: Cronaca, ComuneStampa Articolo

La Giunta Spagnuolo  ha deciso di resistere dinanzi al Tribunale di Avellino, Sezione Lavoro, nel giudizio promosso da uno dei tre ex dipendenti comunali, licenziati a giugno scorso a seguito dello scandalo buste paga gonfiate scoppiato al Comune.

L’ex dipendente chiede l’annullamento dinanzi ai giudici al provvedimento di licenziamento del 07/06/2018, nonché la reintegrazione nel posto di lavoro con conseguente condanna dell’Ente al pagamento di una indennità risarcitoria e delle spese di lite.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *