alpadesa
  
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, ex dipendente licenziata chiede il reintegro nel posto di lavoro

Pubblicato in data: 1/2/2019 alle ore:14:03 • Categoria: Cronaca, ComuneStampa Articolo

La Giunta Spagnuolo  ha deciso di resistere dinanzi al Tribunale di Avellino, Sezione Lavoro, nel giudizio promosso da uno dei tre ex dipendenti comunali, licenziati a giugno scorso a seguito dello scandalo buste paga gonfiate scoppiato al Comune.

L’ex dipendente chiede l’annullamento dinanzi ai giudici al provvedimento di licenziamento del 07/06/2018, nonché la reintegrazione nel posto di lavoro con conseguente condanna dell’Ente al pagamento di una indennità risarcitoria e delle spese di lite.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *