alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie

“Controllo di vicinato”, l’Amministrazione sottoscrive un protocollo d’intesa con la Prefettura di Avellino

Pubblicato in data: 12/2/2019 alle ore:10:00 • Categoria: ComuneStampa Articolo

“Controllo di vicinato”, la Giunta Comunale di Atripalda approva all’unanimità il progetto che nasce da un protocollo d’intesa sottoscritto dall’amministrazione con la Prefettura di Avellino.
Il progetto nasce in un’ottica di sicurezza partecipata, una rete di volontari

con l’obbiettivo di disciplinare le attività di controllo del vicinato al fine di stabilire in maniera chiara e univoca le azioni che si potranno svolgere, nel rispetto dei principi e delle disposizioni normative vigenti in materia. L’accordo persegue l’obbiettivo di valorizzare la collaborazione con i cittadini, che in qualità di importanti e attente sentinelle della legalità, potranno contribuire all’innalzamento degli standard di sicurezza della proprio comunità, fornendo ogni informazioni ritenuta utile alle forze di Polizia nazionali e locali, anche mediante strumenti informatici, per assicurare un’immediata azione repressiva e l’avvio di una mirata attività info-investigativa.

Il Protocollo conferma la centralità del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica come organo istituzionale per la definizione delle strategie di sicurezza da adottarsi, in relazione alle specifiche esigenze e situazioni di criticità dei diversi territori, con il coinvolgimento, per gli aspetti di competenza, delle Polizie Locali. In tale sede, su richiesta dei sindaci dei comuni interessati, verrà esaminato periodicamente l’andamento dei fenomeni di criminalità, di degrado urbano e di disagio sociale, allo scopo di attuare, attraverso un’azione congiunta, specifici piani di implementazione del controllo del territorio e del contrasto della criminalità.
Le Amministrazioni locali procederanno ad una dettagliata mappatura dei siti dove sono presenti particolari situazioni di degrado e disagio sociale che risultino comunque in stato di abbandono e incuria, al fine di sviluppare, per quanto di competenza, mirate pianificazioni tese a garantire un’azione più incisiva, volta al miglioramento per un verso dell’arredo urbano e, per un altro, al rafforzamento dei moduli di coordinamento tra le Polizia Locali, i servizi sociali, le associazioni di assistenza, per la tempestiva segnalazione, sotto il profilo del degrado e delle condizioni di vita che, se non risolte per tempo, potrebbero determinare l’insorgenza di criticità sul versante della sicurezza.
I cittadini svolgeranno un’azione di mera osservazione, segnalando, attraverso i propri coordinatori, alla Polizia Locale, situazioni ed eventi attinenti la sicurezza urbana e il degrado sociale, tramite rete mobile o con l’impiego degli strumenti informatici in possesso, astenendosi in ogni caso dall’assumere comportamenti incauti o imprudenti, che potrebbero determinare situazioni di pericolo per sé medesimi o per altri.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *