alpadesa
  
Flash news:   Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità” Domenico Airoma a capo della procura della Repubblica di Avellino Riapertura scuole in Campania, il Tar ordina: Primaria in classe da domani Stufa a Gpl prende fuoco ad Atripalda, i Vigili del fuoco evitano il peggio Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, la Giunta Spagnuolo fissa gli impegni di spesa per i due progetti di riqualificazione e risanamento idrogeologico ad Atripalda Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Il derby campano con la Cavese è dei lupi Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda

Fiamme e attimi di paura nel cuore della notte ad Atripalda: due auto bruciate in via Fiumitello. Indagano i Carabinieri. FOTO

Pubblicato in data: 4/3/2019 alle ore:08:00 • Categoria: Cronaca

Fiamme e attimi di paura nel cuore della notte ad Atripalda. E’ giallo nella cittadina del Sabato dove due automobili parcheggiate lungo via Fiumitello sono state distrutte da un incendio per cause ancora in fase di accertamento. Le due auto erano parcheggiate nei pressi del bivio che conduce a San Potito e alla rotatoria di via Circumvallazione per Manocalzati.
Poco prima delle cinque di ieri, le due autovetture. parcheggiate l’una accanto all’altra, in contrada Ischia, hanno iniziato a bruciare. Le due automobili erano state lasciate in sosta per la notte da due residenti di fronte ad alcune palazzine popolari. L’incendio partito quasi certamente da una delle due autovetture, una monovolume Renault Scenic, si è poi propagato anche ad una Jaguar Station Wagon, distruggendole all’interno. Alte lingue di fuoco si sono alzate oltre il primo piano degli stabili ubicati sull’altro lato della strada. Le alte temperature ha fatto esplodere i finestrini della Scenic e distrutto anche alcuni della Jaguar come il parabrezza posteriore, oscurando invece i vetri posti più lontani dalla Scenic.
Attimi di paura si sono vissuti. Il boato, provocato forse dalla combustione delle lamiere o dall’esplosione dei vetri, ha risvegliato dal sonno alcuni residenti che hanno immediatamente lanciato l’allarme. Proprio ciò ha scongiurato che l’incendio potesse prendere piede ancora di più creando danni maggiori non solo a cose.
Sul posto sono giunti i Vigili del fuoco del comando provinciale di Avellino che con un’autobotte hanno spento le fiamme dopo mezz’ora, evitando che si propagassero ad altri veicoli lasciati in sosta e ad una villetta poco distante.
Per capire le cause dell’incendio sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione che hanno effettuato tutti i rilievi necessari per comprendere come sia nato il rogo. L’ipotesi più accreditata dagli investigatori è che le fiamme si siano propagate con un corto circuito per problemi all’impianto elettrico di una delle due auto.
Si indaga però per escludere che il rogo possa essere di natura dolosa. Toccherà agli uomini del maresciallo maggiore Giuseppe Sullutrone fare luce sulle cause alla base del duplice incendio. Si segue, come detto, l’ipotesi che alla base del rogo ci sia stato un corto circuito in una delle due autovetture, la monovolume Renault Scenic, che poi da lì le fiamme abbiano preso vigore propagandosi anche ad una Jaguar Station Wagon parcheggiata lì accanto nei pressi di un’officina meccanica.
Le due auto sono di proprietà di due giovani residenti.
Gli investigatori al momento non escludono nessuna ipotesi. Gli uomini della Benemerita hanno ascoltato anche i rispettivi proprietari delle due auto. Si cerca di raccogliere indizi per far luce sull’episodio che ha destato non poco paura tra i residenti risvegliati prima dell’alba dal fragore delle fiamme.
Ieri mattina la notizia dell’incendio delle due autovetture ha fatto subito il giro su Facebook. Un tam tam con un susseguirsi di commenti tra stupore e incredulità per quanto era accaduto poche ore prima. Alcuni hanno commentato di non essersi accorti di nulla, altri invece di aver visto alte fiamme alzarsi durante la notte chiedendosi che cosa stesse succedendo. Certo la notizia si è subito diffusa in città, richiamando l’attenzione di molte persone che hanno cercato di capire cosa fosse realmente accaduto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *