alpadesa
  
Flash news:   Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Calcio, l’Abellinum cala il tris Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni” Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO

Vigili del Fuoco: partono da Avellino i festeggiamenti per gli 80 anni del Corpo

Pubblicato in data: 7/3/2019 alle ore:08:01 • Categoria: CronacaStampa Articolo
L’inizio del Tour avrà luogo proprio dal Capoluogo Irpino Avellino, per ricordare il tragico evento del terremoto del 1980, sicuramente il terremoto più disastroso e distruttivo degli ultimi anni. La celebrazione prevederà un concerto della Banda musicale nazionale dei Vigili del Fuoco che si esibirà presso il Teatro Gesualdo nella mattinata del 30 marzo, unitamente ad altre iniziative culturali che saranno a breve pubblicizzate dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Avellino.
L’iniziativa è stata particolarmente gradita da tutto il Personale Vigile del Fuoco di Avellino che, in tale occasione, sente riconosciuto l’impegno assiduo e quotidiano con cui affronta le diverse esigenze operative e di soccorso.
Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *