alpadesa
  
sabato 04 luglio 2020
Flash news:   Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Playoff Serie C, Ternana-Avellino 0-0: lupi eliminati Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21

Festa della Donna, inaugurate le due panchine rosse all’Istituto Comprensivo di Atripalda. FOTO

Pubblicato in data: 8/3/2019 alle ore:19:44 • Categoria: Attualità, Comune

Nel giorno dell’8 Marzo, la Festa della Donna, taglio del nastro questa mattina per le due panchine rosse installate dall’Amministrazione comunale presso due sedi dell’Istituto Compresivo di Atripalda.
Due panchine dedicate alle donne vittime di violenza.
La mattinata ha preso il via con un Flash Mobe presso il piazzale della scuola media Masi di via Pianodardine.
Qui il sindaco Giuseppe Spagnuolo, il vicesindaco con delega all’Istruzione Anna Nazzaro, la delegata alle pari Opportunità Giuliana De Vinco, l’assessore al Sociale Nancy Palladino e e la dirigente scolastica Rita Melchionne, unitamente alle operatrici di “SpazioDonne-Linea Rosa di Salerno”, i rappresentanti dei genitori e gli alunni delle classe quinte della Mazzetti, hanno inaugurato presso l’ingresso della scuola la prima delle due panchine.
Poi nell’Auditorium la presentazione dell’iniziativa. «La panchina rossa non è un atto formale ma il simbolo di un percorso didattico educativo che Comune e Scuola hanno condiviso in tutte le fasi del progetto – illustra il vicesindaco con delega all’Istruzione, Anna Nazzaro -. Le stesse frasi simbolo sono state scelte dagli alunni della Primaria e della Secondaria. La violenza di genere è un problema culturale che va affrontato sin dalla Prima Infanzia offrendo anche attraverso la scuola modelli sociali diversi».
Poi gli alunni sono stati impegnati in un work shop, insieme ad una rappresentanza dei genitori, delle istituzioni e delle associazioni, per confrontarsi sulla cultura del rispetto delle donne e mostrare il prodotto dei lavori sulle tematiche affrontate.
Dalla scuola di via Pianodardine alla scuola De Amicis di via Roma, in un unico filo conduttore: anche qui inaugurazione della seconda panchina rossa con gli alunni delle classi qauinte della sede centrale di via Rorma.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Festa della Donna, la storia dell’8 marzo

Le origini della festa dell'8 Marzo risalgono al lontano 1908, quando, pochi giorni prima di questa data, a New York, Read more

Gli alunni della scuola media Masi premiati domani da Napolitano

I giornalisti in erba della scuola media "Raffaele Masi" premiati per gli elaborati contro la violenza sulle donne domani da Read more

Festa della donna, questo pomeriggio doppio incontro sul tema al Palazzo Vescovile e al Duomo di Avellino

Venerdi 8 marzo, alle ore 16,30, presso il palazzo vescovile, convegno promosso da Pax Christi e dall'Ucsi sul tema "Donne Read more

Pro Loco, venerdì 8 marzo la presentazione del romanzo “Trenta giorni di luce”

L'associazione Pro Loco Atripaldese, in occasione della Giornata Internazionale della Donna, venerdì 8 marzo alle 18.30, presso la propria sede Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *