alpadesa
  
Flash news:   Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore” Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21 Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato Air Trasporti, riattivate le corse urbane nei giorni festivi sulle linee di Atripalda e Mercogliano Torna lo scontro politico tra maggioranza e opposizione nella prima seduta di Consiglio comunale dopo quattro mesi di stop. L’ex sindaco: “una scorrettezza questa convocazione” e il primo cittadino:”i punti in discussione li decido io non i social” Gli “Irpini della Capitale” donano tre sanificatori alle associazioni di volontariato irpine. Foto Calcinacci caduti ad Alvanite, il Prc attacca: “Le carte truccate di Del Mauro” Montevergine, visita dell’Us Avellino questa mattina da Mamma Schiavona. Foto

Arredo urbano ancora nel mirino di vandali e incivili in piazzetta Garibaldi. Il maestro Tranchese restaurerà gratuitamente l’edicola votiva danneggiata di San Sabino: «Lo farò per il Santo e il paese». FOTO

Pubblicato in data: 11/3/2019 alle ore:09:00 • Categoria: Attualità

Arredo urbano ancora nel mirino di vandali e incivili. Dopo il danneggiamento dell’edicola votiva dedicata al Santo Patrono San Sabino Vescovo nuovi episodi si sono registrati la scorsa sera nel cuore del centro storico di Atripalda. Danneggiata in piazzetta Garibaldi una panchina in legno e divelto un posacenere  che fa parte dell’arredo urbano.Le foto, postate su Facebook, nel gruppo “Sei di Atripalda se”, hanno subito sollevato sdegno, condanna e stupore da parte dei residenti.
Un episodio che segue di pochi giorni i danni provocati all’edicola votiva di Capo La Torre, rappresentata da un mosaico che raffigura San Sabino Vescovo, con alcune maioliche in ceramica seriamente danneggiate e un’altra ridotta in tanti pezzi alla base del piedistallo. Forse a causare il distacco e la rottura delle maioliche le pallonate dei ragazzini del posto che giocano nella piazzetta dove un tempo si ergeva la casa di San Sabino.
Il parroco della chiesa madre di San’Ippolisto Martire, Don Fabio Mauriello, dove è custodita la statua del Santo, ha rassicurato i fedeli che si interverrà subito per la messa in sicurezza, installando anche una protezione al mosaico che risale al 1951. Restauro che effettuerà il maestro Carmine Tranchese: «Lo farò gratuitamente per il Santo, il paese e la comunità – spiega  l’artista -. Sono ragazzate, i bambini giocano lì a pallone invece di andare altrove». Tranchese tiene a precisare però che non si tratta solo di pallonate ma anche l’incuria ha una parte di responsabilità: «Certo c’è bisogno di manutenzione – prosegue -. L’edicola votiva è un’opera del 1951 è già anni fa effettuai un restauro. Anche la parte retrostante necessita di interventi conservativi in modo da scongiurare infiltrazioni d’acqua che portino al distacco delle maioliche. Interverrò sulle maioliche rotte e proverò a ricomporre il tutto in modo che non si vedrà quasi niente della rottura. Certamente ci vorrebbe una sorta di cappellina che protegga l’edicola dalle intemperie e dei distanziatori di plexiglass per difendere l’opera dai ragazzi che continueranno a giocare in quel posto anche che se non è quello il luogo giusto perché è un luogo sacro dove c’era la casa di San Sabino. Penso sia il luogo più sacro oltre la collegiata di Sant’Ippolisto Martire».
Tranchese procederà a restaurare le maioliche recuperare: «che non possono essere sostituite da nuove visto che i pigmenti pittorici utilizzati nel 1951 non posso essere gli stessi utilizzati oggi da un ceramista. I Colori non si troverebbero mai con le parti antiche. Perciò cercherò di recuperare quello che già c’è senza integrarlo con nuovi componenti».
Non sono pochi gli episodi di vandalismo e inciviltà che si sono registrati negli ultimi tempi. Basta ricordare le scritte vergate con il pennarello sul Monumento ai Caduti di piazza Umberto I, che hanno richiesto più di una volta la pulitura del basamento, le frasi di cattivo gusto che hanno imbrattato la targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1 e  quella di intitolazione della villa comunale di piazza Sparavigna a Don Peppe Diana.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Slitta ancora al 5 luglio la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda per i lavori alla biblioteca

Slitta ancora la riapertura alla città della villa comunale di Atripalda. Dopo la ripartenza del mercato settimanale del giovedì riaccorpato Read more

Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21

Coronavirus, i contagi crescono ancora (+187) e il numero delle vittime è di 21. E’ questo il dato più importante emerso Read more

Assemblea ASI, approvato il Bilancio consuntivo 2019 all’unanimità

Si è svolta ieri l'assemblea dell'ASI dove è stato approvato all’unanimità dei presenti, il bilancio consuntivo 2019 del Consorzio Asi Read more

Efficientemente energetico, la richiesta di “Idea Atripalda” per il Comune del Sabato

Quest’oggi abbiamo provveduto a protocollare la richiesta di utilizzo dei contributi ai Comuni per efficientamento energetico e sviluppo sostenibile, annualità Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *