alpadesa
  
sabato 23 marzo 2019
Flash news:   “Lettera aperta a mio padre”, Luigi Caputo ricorda commosso il papà Pasquale Giornate FAI di Primavera, appuntamento oggi e domani: Abellinum e Specus in mostra Colpisce con un calcio il compagno di scuola mandandolo in ospedale Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce Ermete Green Volley Marcello, tie-break amaro: vince il Marano 3 a 1. Esordio vincente per l’under 13 Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Il Ventuno marzo nei versi di Gabriele De Masi “Ritorno al Partenio”, mini abbonamento per le due gare interne dei lupi L’ex sede Asl di via Tiratore nel mirino dei vandali: tiro al bersaglio contro le finestre del piano terra. FOTO Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie

Oggi il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati

Pubblicato in data: 17/3/2019 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

E’ il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati, il 42enne avellinese morto martedì scorso a Torino dopo aver assistito con il figlioletto alla gara della Juventus. Ieri sera è giunta in Irpinia la salma del «ragazzo da un grande cuore». Questa mattina, a partire dalle ore 8, sarà allestita la camera ardente in via Nazionale Torrette di Mercogliano presso l’“Onoranze Funebri Irpinia”. Da qui alle 15.30 si muoverà l’esequie verso la chiesa di San Ciro Martire di Avellino in Viale Italia, dove sarà celebrato il rito funebre. Poi la tumulazione nel cimitero del capoluogo. L’ultimo saluto di  quanti lo conoscevano e lo piangono per stringersi intorno al dolore immenso che ha colpito la mamma Anna Fedele, il piccolo figlio di undici anni Gerardo, la sorella Giusy, la moglie Daniela e i parenti tutti. Vittorio, consulente del lavoro in uno studio commerciale di Avellino, era partito in treno con il piccolo Gerardo, martedì scorso alla volta di Torino per assistere agli ottavi di finale dei bianconeri. Dopo la vittoria e il ritorno in albergo, un infarto fulminante non gli ha lasciato scampo sottraendolo per sempre all’affetto dei suoi familiari e amici. Una tragedia consumatasi in pochi istanti dinanzi agli occhi increduli del piccolo figlio. Sul corpo è stata eseguita nei giorni scorsi l’autopsia disposta dal magistrato di turno del Tribunale di Torino.
«Caro Vittorio, te ne sei andato, senza averTi potuto salutare, senza aver avuto il tempo di prepararmi a un distacco che lacera e ferisce di dolore la carne e l’anima – scrive in una lettera Antonello Defina, amico e compagno di tante trasferte a sostegno della Juve e che con lui era quindici giorni fa a Madrid -. Questo accade sempre quando si perde un Amico. L’Amicizia non si perde: è spirito che non si cancella, che resta come arricchimento, che sedimenta nell’intimo e ci consola, che vive nei ricordi e nelle emozioni. L’Amico si perde, momentaneamente come tutte le persone care che ritroverò nella Vita Eterna, ma il momentaneamente durerà comunque tutta la vita terrena; anche se fosse un giorno solo sarebbe un tempo enorme. Mi hai onorato, rallegrato, arricchito con la Tua Amicizia e questo è stato per me molto bello, è stato uno dei tanti segni della Grazia di Dio che ho ricevuto. Credo, sono sicuro che è stato così per tutte le persone che hanno avuto come me questo privilegio. E siamo in tanti oggi sgomenti e sinceramente addolorati. La Tua è stata un’Amicizia fatta di entusiasmo generoso, di grande e disinteressata disponibilità, di appassionata condivisione, di serietà, di un affetto schietto e senza inutili fronzoli. Insomma è stata Amicizia; così io l’ho vissuta; così la terrò con me. Nelle ore che verranno con domani e coi prossimi giorni di questa vita. Ciao Vittorio Amico nostro».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *