alpadesa
  
Flash news:   Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato

Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce

Pubblicato in data: 22/3/2019 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Madre e figlia assolte dall’accusa di minacce «ti avveleno il cane e ti rendo irriconoscibile se ti acchiappo per strada».
Le due donne, entrambe residenti a contrada Alvanite ad Atripalda, sono state ieri mattina assolte dal Giudice di Pace del Tribunale di Avellino, dottoressa Paolina Petrillo, dall’accusa di minacce gravi in concorso.
I fatti risalgono al marzo del 2016 quando proprio nel giorno della Festa della Donna, in seguito a una discussione condominiale che porto anche all’intervento dei Carabinieri della locale stazione per sedare gli animi, madre e figlia vennero denunciate perché secondo l’accusa intenzionate a picchiare selvaggiamente la propria vicina di casa e ad avvelenare il suo cane. «Te la farò pagare, ti rendo irriconoscibile per strada e ti avveleno il cane. Stati attenta, guardati alle spalle» queste le frasi che secondo l’accusa sarebbero state proferite nei confronti della vicina di casa.
La vicina di casa, dopo il rinvio a giudizio disposto dalla Procura di Avellino, si era anche costituita parte civile, con la richiesta di danni per quasi 2mila euro.
I legali delle due imputate, gli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, sono riusciti, nel corso del dibattimento in cu sono stati ascoltati anche diversi testimoni, a dimostrare la completa estraneità delle due donne ai fatti contestati. In udienza il Pm, dottoressa Anna Maria Greco, aveva chiesto la condanna ad una multa di mille euro ciascuna mentre la parte civile il risarcimento del danno e gli onorari delle spese legali.
Il Giudice di Pace di Avellino ha accolto invece in pieno la tesi difensiva dei legali ritenendo che le frasi proferite dalle due imputate, madre e figlia, non erano rivolte alla vicina di casa ma ad altre persone del palazzo di cui non si è riusciti a procedere all’identificazione.
In
 mancanza di prove, madre e figlia sono state assolte dal giudice Petrillo con formula piena.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,50 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *