alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda

Inchiesta buste paga gonfiate al Comune, archiviato il procedimento disciplinare per il quinto indagato già prosciolto in Tribunale

Pubblicato in data: 27/3/2019 alle ore:08:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Archiviato il procedimento disciplinare nei confronti del quinto dipendente dell’inchiesta buste paga gonfiate scoppiate al Comune di Atripalda e già prosciolto mesi fa dal Tribunale di Avellino con sentenza irrevocabile per prescrizione dei reati in quanto consumati fino all’aprile del 2011.
Ieri mattina, l’Ufficio Competente per i Procedimenti Disciplinari di Palazzo di città, presieduto dalla dottoressa Katia Bocchino, ha disposto l’archiviazione del procedimento disciplinare nei confronti del dipendente, operatore in servizio presso il settore IV- cimiteriale, già assolto a fine novembre scorso dal Giudice del Tribunale di Avellino, dottoressa Sonia Matarazzo, dall’accusa di truffa e falso ideologico.
Il Pubblico Ministero Vincenzo D’Onofrio lo accusava di aver agito in concorso con altri dipendenti comunali abilitati all’inserimento nel sistema Halley delle singole voci stipendiali non dovute fuori base imponibile. Somme inserite all’interno del cedolino sotto la voce rimborso per spese di viaggio, artificio che sarebbe stato utilizzato anche dagli altri quattro dipendenti.
I legali, gli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, alla luce della sentenza di proscioglimento, avevano chiesto l’archiviazione definitiva del procedimento amministrativo a carico del dipendente. Nel corso dell’istruttoria i suoi legali inoltre avevano anche depositato memoria difensiva ribadendo la completa estraneità del proprio assistito.
«Rilevato che dalle risultanze emerse – scrive la Commissione nel procedimento di  archiviazione – non vi sia luogo a procedere in quanto le retribuzioni effettivamente percepite nel periodo contestato risultano corrispondenti alle mansioni attribuiteLe, senza indebiti rimborsi e le cessioni correttamente operate e versate ». Da qui l’archiviazione senza l’applicazione di alcuna sanzione disciplinare.
E’ fissata invece al 29 aprile l’udienza in Tribunale per altri tre indagati, licenziati dal Comune, che devono difendersi dall’aver posto in essere, in concorso, nel sistema informatico voci stipendiali non dovute in relazione ai livelli retributivi previsti per le qualifiche rivestite, disponendo altresì mandati di pagamento recanti importi maggiorati che venivano inoltrati alla Tesoreria comunale che procedeva all’accredito dello stipendio. Buste paga “lievitate” che venivano utilizzate dagli indagati per accedere a benefici di credito per la cessione del quinto dello stipendio presso alcune società di finanziamento.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *