alpadesa
  
Flash news:   A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro. Gara il 20 dicembre Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni

Quarta sconfitta di fila per la Sidigas Scandone

Pubblicato in data: 15/4/2019 alle ore:06:49 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Non riesce ad interrompere il momento negativo la Sidigas Avellino, che non trova i due punti sperati al PalaSerradimigni, cedendo alla Dinamo Sassari per 105-84. I biancoblu feriscono gli irpini con un terzo quarto perfetto, non permettendogli di ritornare mai in partita.

Primo Quarto (23-30): Alla palla a due dell’anticipo della 26esima giornata di Legabasket Serie A, coach Pozzecco inizia con Smith, Pierre, Thomas, Cooley e McGee; coach Maffezzoli risponde con Sykes, Harper, Nichols, Green e Udanoh. E’ Caleb Green il primo a scaldare la mano da tre, con Thomas immediatamente a replicare con l’arresto e tiro dall’area. La Sidigas ingrana subito la quinta con 5 punti consecutivi ad opera di Green e Nichols, ma Jack Cooley si fa sentire sotto canestro con il gioco da tre punti che vale il 5-8. Costretto a cambiare Green per un fastidio muscolare, Maffezzoli schiera Campani, che subito va a segno col 2/2 dalla lunetta. I biancoverdi tentano una prima fuga a metà quarto, col parziale di 6-0 firmato da Sykes e Filloy che li porta sul +9 (10-19): coach Pozzecco ferma il gioco e chiama time-out. Se i biancoblu sono abili a tentare la reazione con Thomas, Pierre e la bomba di Polonara, la Sidigas mantiene il vantaggio grazie alle giocate offensive di Nichols e Sykes (17-25). La Dinamo prova a ridurre il gap con Smith e Cooley, arrivando a -5 a 2 minuti dal termine del quarto, ma le schiacciate di Ndiaye su assist di Filloy e quella di Harper allo scadere decretano il 23-30 biancoverde al termine dei primi 10′.

Secondo Quarto (47-48): Si alzano le percentuali al tiro per entrambe le squadre: Thomas con il gioco da tre punti, a cui fanno seguito le triple di D’Ercole, Polonara, Sykes e Nichols (29-39). Parziale della Dinamo di 7-0 con il canestro da due di Gentile, la tripla di Thomas e il tiro dall’area di Pierre (36-39): coach Maffezzoli blocca subito il gioco ricorrendo al time-out. Buona reazione dei biancoverdi, che piazzano il break di 2-7 con Filloy, Campani e Nichols, mentre è il solo Pierre ad andare a bersaglio per Sassari (38-46 a 2′ dall’intervallo lungo). Smith e Cooley fanno 2/2 dalla lunetta, Filloy nell’altra metà campo segna con una magia in layup ma ancora Cooley si fa sentire sotto le plance per il -4 (44-48): ancora time-out per coach Pozzecco, che richiama i suoi per l’ultimo minuto del quarto. McGee piazza la bomba del -1, Ndiaye commette fallo in attacco e Pierre tenta un’altra tripla che entra però fuori tempo massimo: le squadre tornano negli spogliatoi sul 47-48.

Terzo Quarto (79-65): Al ritorno in campo ci pensa subito McGee con l’appoggio a tabella a regalare a Sassari il primo vantaggio del match: break di 10-2 per gli isolani, con Maffezzoli costretto a spendere subito time-out sul 57-50. La Sidigas non si sblocca in attacco e la Dinamo ne approfitta per portarsi sul +11 con Cooley e i liberi di Smith, ci pensa Ndiaye con la schiacciata ad interrompere il momento negativo dei biancoverdi (61-52). Gli uomini di coach Pozzecco continuano a fare il bello ed il cattivo tempo, piazzando un altro parziale di 7-0 e costringendo coach Maffezzoli a spendere il secondo dei tre time-out disponibili nel secondo tempo (68-52). Udanoh e Sykes provano a trascinare i biancoverdi ma Sassari è in un momento di grazia e non fallisce nessun tiro (75-58). D’Ercole piazza la tripla del -14, segue Campani con il 2/2 ai liberi, ma allo scadere dei 10′ il punteggio è di +14 per i padroni di casa, protagonisti di un terzo quarto perfetto (79-65).

Quarto Quarto (105-84): Subito Filloy da tre, risponde allo stesso modo Spissu. Harper segna in palleggio, arresto e tiro, Cooley replica da sotto, seguono le triple di Harper e di Spissu per l’87-73. I biancoverdi faticano a contenere Cooley sotto canestro, che trova 4 punti consecutivi intervallati dalla tripla di Nichols (91-76): coach Pozzecco richiama in panchina i suoi, con 5′ rimasti sul cronometro. La tripla a tabella di Spissu fa male alla Sidigas, che va sul -18. Harper continua a crederci e trova la retina con la finta, arresto e tiro, ma è costretto ad uscire qualche azione più tardi, dopo aver commesso il quinto fallo del match, regalando 2 punti a Smith dalla lunetta (96-78). Gli ultimi due minuti servono solo alla Sidigas per provare a ridurre il vantaggio, ma la partita sfugge completamente ai biancoverdi, che cedono alla Dinamo per 105-84.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *