alpadesa
  
Flash news:   Il sindaco Carullo consegna un riconoscimento alla redazione di MercoglianoNews e AtripaldaNews Spareggio play out, l’Abellinum Calcio retrocede in Seconda Categoria Europee 2019, M5S primo partito ad Atripalda con il 28,57%. Seguono il PD al 24,23% e la Lega al 20,94%. FOTO e DATI Europee 2019, urne chiuse: ha votato in città solo il 44,05% degli elettori. Al via lo spoglio Maffezzoli: “orgoglioso di ciò che abbiamo fatto, ringrazio i ragazzi” Termina a Gara-5 l’avventura ai playoff della Sidigas Avellino Europee 2019, ancora affluenza bassa alle ore 19: solo il 28,81% dopo il flop mattutino Europee 2019, urne aperte: alle ore 12 ha votato appena il 7,76% in città La Giunta del sindaco Geppino Spagnuolo approva il Rendiconto di gestione 2018: disavanzo di amministrazione pari a 1.767.831,52 euro Le calciatrici di Spartak si aggiudicano il “V Memorial Rita Mazza”. Foto

Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te

Pubblicato in data: 17/4/2019 alle ore:06:25 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Un connubio tra cultura e il piacere di un caffè nel “DulcE’ Pasticceria d’autore”. Nel centro di Atripalda, in via Mastroberardino (già via Circumvallazione) da un anno ha preso corpo un progetto che punta ad essere una gioia non solo per il palato, proponendo sapori sempre nuovi, ma anche per l’anima.
«Nasce non solo perché ogni preparazione pasticcera è d’autore – racconta Francesco Arena, curatore d’opera freelance originario di Latina – ma anche soprattutto per dare un collegamento con gli autori. Vuole infatti essere una caffetteria e pasticceria letteraria, dove promuovere  scrittori emergenti che sono alle loro prime armi e che spesso non sanno muoversi per organizzare un evento oppure, la cosa più bella, di poter tenere in conto deposito presso di noi, le proprie opere prime. Spesso chi pubblica per la prima volta un libro, lo vende attraverso il porta a porta, fra amici o durante qualche presentazione, ma non ci sono librerie per autori emergenti dove poter essere presenti o sono davvero rare».  Da qui l’idea con la moglie pasticcera e atripaldese doc, Maria Teresa Piccolo, che sapientemente utilizza solo materie prime e prodotti a km 0, di creare una caffetteria letteraria per dare la possibilità ad autori provenienti da tutta Italia di poter mandare in conto deposito le proprie opere e metterle in vendita, alternandole anche a presentazioni con autori locali.
«Con un’esperienza decennale – prosegue il signor Arena – ho imparato a fare editing, impaginazione o come realizzare una copertina su misura per un libro o la locandina di un evento o un segnalibro. E questa mia esperienza la metto a disposizione degli autori emergenti che non hanno dimestichezza con le tecniche di impaginazione o di editing in modo da poter sviluppare un proprio libro. A volte mi appoggio a case editrici in carne e ossa e a volte a dei canali on demand. Così seguo l’autore di un libro dal momento in cui mi consegna il proprio manoscritto fino alla possibilità di fare una promozione. Questo perché gli autori emergenti oggi sono ancora troppo nascosti. Sono uno scrittore e conosco le difficoltà che trovano ad emergere o nel voler pubblicare un libro e soprattutto nel poterlo promuovere. Perciò abbiamo deciso con il nostro locale di dare questa possibilità».
Francesco Arena è autore di diversi libri tra cui “Pensieri di rugiada” e “Pensieri acrobatici”.
Già ci sono state delle presentazioni di libri e altre sono in programma nel mese di giugno. «Siamo aperti a chiunque voglia presentare la propria opera – conclude il signor Arena -. Questo locale vuole essere un luogo dove fare cultura non solo enogastronomica ma anche dove poter sfogliare un libro, leggere o ascoltare una poesia mentre si consuma qualcosa. E’ qualcosa di molto bello poter aiutare degli autori che sono nell’ombra. Gli scrittori di oggi saranno gli autori del domani. Questo è il mio motto».
Arena, che sta lavorando alla preparazione di tre libri, rivolge infine un invito agli irpini: «ho visto che esistono in Irpinia tanti concorsi ma sono riluttante nei loro confronti perché la poesia non è un premio in denaro ma qualcosa che abbiamo dentro e che deve uscire. Se scriviamo per vincere, noi non vinceremo mai. Potremo vincere anche un premio ma non con il cuore. Scrivere è un atto di vomito del cuore. Mi piacerebbe avere qualche autore irpino per dare forza a questa sorta di novità in Irpinia di caffetteria letteraria che è diffusa nel Nord e che vuole avvicinare i giovani alla lettura e alla letteratura. Un luogo di condivisione di idee, sentimenti ma anche dolori».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *