alpadesa
  
domenica 05 luglio 2020
Flash news:   Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori Al via il Bando di Gara per il servizio di scassettamento dei venti parcometri ad Atripalda Guasto allo Stir, stop alla raccolta dell’indifferenziato fino a sabato in tutti i comuni Spenta la terza candelina per l’associazione Acipea e presentato il romanzo “Il Ricordo di un Amore”

Inquinamento del Fiume Sabato, sei nuove centraline installate dalla Provincia

Pubblicato in data: 26/4/2019 alle ore:16:00 • Categoria: Attualità

Sei nuove centraline di monitoraggio nel Fiume Sabato. Saranno installate lungo il tratto più a rischio, da Pianodardine a Tufo. Un passo in avanti per il controllo degli sversamenti abusivi che avvelenano il corso d’acqua. L’amministrazione provinciale di Avellino ha aggiudicato l’appalto per la fornitura delle nuove centraline, dall’importo di circa mezzo milione di euro.

Si tratta di  stazioni di controllo che serviranno a monitorare la qualità delle acque ma potranno anche lanciare l’allarme in caso di esondazioni.

L’ente di Piazza Libertà, infatti, ha appena aggiudicato l’appalto per la fornitura degli impianti di controllo automatico che dovranno verificare la risorsa idrica in transito a monte e a valle dei nuclei industriali e degli insediamenti produttivi presenti lungo l’asta fluviale. In pratica, da Pianodardine a Tufo, nel tratto del fiume certamente più soggetto a inquinamento da scarichi illeciti. La gara, che si assegnava attraverso il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, in base al rapporto qualità-prezzo, è andata all’unica azienda che ha presentato un’offerta: la Cae spa di San Lazzaro di Savena, in provincia di Bologna. Società che ha formalizzato un ribasso del 5 per cento, aggiudicandosi, così, l’appalto per un importo di 467.115 euro più Iva. Nella domanda di partecipazione, inoltre, la società ha inserito una serie di migliorie tecniche che rendono le centraline e i controlli ai quali sono deputate ancora più efficienti.

L’aggiudicazione dell’appalto arriva poco dopo i prelievi effettuati  dal Dipartimento di Avellino dell’Arpac, che hanno fatto emergere un quadro allarmante per lo stato di salute del corso d’acqua, nel quale sono stati riscontrati valori relativi ai batteri fecali e ad altre sostanze organiche 141 volte superiori ai limiti massimi previsti dalla norma.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Inquinamento fiume Sabato, il sindaco Spagnuolo chiede un incontro con l’Arpac: «ora le verifiche sugli scarichi domestici abusivi»

«Ho chiesto all’Arpac un incontro per  ottenere la traduzione in termini più semplici e pratici dei dati che l’agenzia regionale Read more

Inquinamento del fiume Sabato, scattano i controlli di Arpac e Carabinieri. FOTO

Inquinamento del fiume Sabato, scattano i controlli di Arpac e Carabinieri nel centro città. Gli esperti dell'Agenzia regionale di protezione Read more

Inquinamento fiume Sabato, caccia ai colpevoli. La Procura di Avellino apre un’inchiesta

Inquinamento del fiume Sabato (foto),  la Procura della Repubblica di Avellino avvia un'inchiesta. Lo scopo è quello di verificare lo Read more

Inquinamento del fiume Sabato, nota dell’associazione Afis

Con dispiacere, apprendiamo ciò che in questi giorni sta accadendo, in merito alla questione dell'inquinamento del Fiume Sabato. Da tempo, Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *