alpadesa
  
Flash news:   Il sindaco Carullo consegna un riconoscimento alla redazione di MercoglianoNews e AtripaldaNews Spareggio play out, l’Abellinum Calcio retrocede in Seconda Categoria Europee 2019, M5S primo partito ad Atripalda con il 28,57%. Seguono il PD al 24,23% e la Lega al 20,94%. FOTO e DATI Europee 2019, urne chiuse: ha votato in città solo il 44,05% degli elettori. Al via lo spoglio Maffezzoli: “orgoglioso di ciò che abbiamo fatto, ringrazio i ragazzi” Termina a Gara-5 l’avventura ai playoff della Sidigas Avellino Europee 2019, ancora affluenza bassa alle ore 19: solo il 28,81% dopo il flop mattutino Europee 2019, urne aperte: alle ore 12 ha votato appena il 7,76% in città La Giunta del sindaco Geppino Spagnuolo approva il Rendiconto di gestione 2018: disavanzo di amministrazione pari a 1.767.831,52 euro Le calciatrici di Spartak si aggiudicano il “V Memorial Rita Mazza”. Foto

Violenza sulle donne, l’assessore regionale alle Pari Opportunità Chiara Marciani ieri al Consorzio A5 per il “Progetto Svolte”. Foto

Pubblicato in data: 7/5/2019 alle ore:10:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

«Sentendo sempre quelle che sono le storie di cronaca di violenza sulle donne quello che mancava era dare una modalità di svolta a queste donne. E questo progetto vuole proprio questo, dare un’occasione duratura e di reinserimento lavorativo in modo  da poter pensare ai propri figli in maniera più serena». A parlare è l’assessore regionale alla Formazione e alle Pari Opportunità Chiara Marciani intervenuta ieri pomeriggio ad Atripalda, presso il Consorzio dei Servizi Sociali A5, per fare il punto delle attività del “Progetto Svolte” che prevede un tirocinio lavorativo per cinque donne che hanno subito violenza di genere. L’iniziativa, alla quale hanno preso parte anche i partner del progetto, oltre al presidente del Consorzio A5, il sindaco Ciro Aniello Tango e al direttore generale Carmine De Blasio, si è articolato con due visite presso le strutture, un negozio di confezioni di Solofra e un caseificio di Montoro, dove partiranno i tirocini lavorativi per le cinque donne. «Questo è un progetto importante che termina la filiera – prosegue la Marciani -. Come Regione sosteniamo le donne che hanno subito violenze con i centri antiviolenza e un fondo per le prime necessità di 8mila euro. Però quello che poi serve davvero è renderle autonome economicamente e indipendenti e questo progetto del Consorzio di Atripalda è la giusta conclusione del lavoro svolto dai centri antiviolenza».
Il progetto “Futuro donna”, finanziato dalla Regione Campania, nell’ambito dell’Avviso “Svolte”, segna il primo concreto tentativo di superare il livello di accoglienza e di presa in carico delle donne vittime di violenza, aprendo alla possibilità del percorso formativo e dell’inserimento lavorativo delle stesse.
«Il Consorzio è in prima linea contro la violenza sulle donne – illustra in conferenza stampa il presidente, il sindaco Ciro Aniello Tango -. La verità è che questi terribili episodi, che si stanno verificando in Italia non sono giustificabili in nessuno caso, neanche quando dice qualche giudice che la donna non era giustificata la violenza. Tutti i tipi di violenza sulle donne sono da condannare. Personalmente sono contrario alla castrazione chimica però non ammetto nessun tipo di violenza sulla donna, sia dal punto di vista domestico che verso le donne che rifiutano una relazione con il proprio partner. E per questo motivo penso che chi commette violenze sulle donne debba essere punito con pene molto dure».
In collaborazione con i due partner del progetto, la cooperativa sociale “Isola che c’è” che gestisce il centro antiviolenza dell’ambito A5 a Solofra e l’Ente di formazione selezionato, C.S.I., il progetto “Futuro donna – Svolte” ha già completato la fase di orientamento, formazione professionale e bilancio delle competenze a favore di cinque donne individuate nell’ambito di coloro che sono state prese in carico dal Centro antiviolenza, e, adesso si apprestano a realizzare un percorso di tirocinio lavorativo della durata di 12 mesi, presso le azienda che si sono rese disponibili.
«Il progetto Futuro Donna ci consente di sperimentare una modalità più concreta di risposta alla donna vittima di violenza e cioè offre l’occasione, dopo la prima fase dell’ascolto e dell’accoglienza, svolta dagli operatori del centro antiviolenza, di favorire un percorso di formazione professionale e di possibilità di inserimento lavorativo» conclude il direttore Carmine De Blasio. In chiusura la testimonianza di una delle cinque donne, Angela Lettieri: «ringrazio per l’opportunità che ci hanno dato  noi».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *