alpadesa
  
domenica 18 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Poule scudetto, l’Avellino conquista la finale

Pubblicato in data: 1/6/2019 alle ore:07:43 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Quattordicesima vittoria di fila e porta ancora inviolata per la Calcio Avellino SSD che, con il netto risultato di 3-0, si impone nella semifinale-Scudetto battendo la Pergolettese,  vincitrice del girone D di LND.

I biancoverdi trovano il successo grazie alla doppietta su punizione di Alessandro Di Paolantonio, confermato in mezzo al centrocampo nel 4-4-2 offensivo di Mister Bucaro. A tempo quasi scaduto, è Nicola Ciotola a rendere ancora più rotondo il risultato ribadendo in porta un miracolo del portiere Chiovenda dopo una botta a colpo sicuro di Nando Sforzini.

Brividi sul finire del primo periodo di gioco, quando è la Pergolettese a rendersi pericolosissima in ben due occasioni: prima con un colpo di testa di Bertoluz che finisce sulla traversa e poi con un gran tiro di prima da fuori area di Cazzamalli che si schianta con veemenza sulla base del palo.

L’Avellino, dopo aver cenato a Gubbio, si è spostato in direzione Perugia, dove svolgerà la rifinitura in vista dell’attesa finale. Match in programma al “Curi” alle ore 16, diretta su Repubblica TV.

“Il nostro avversario ha giocato bene, creando anche occasioni importanti – commenta mister Bucaronoi però veniamo da un cammino importante e non vogliamo fermarci sul più bello. Proveremo a vincere anche questa competizione e a portare il tricolore sulla maglia dell’Avellino”.

“Sono contentissimo per i miei due goal ma ancora di più per la prestazione della squadra – dichiara Alessandro Di PaolantonioLe due realizzazioni su punizione? Nel primo caso era uno schema, ma il nostro attaccante era marcato e quindi ho provato a cercare la porta. La seconda era da una posizione molto favorevole ed è andata bene. Ora sotto con lo Scudetto per provare a coronare un percorso meraviglioso”.

Marcatori: pt 22′ Di Paolantonio; st 34′ Di Paolantonio, 50′ Ciotola.

Avellino (4-2-4): Lagomarsini; Betti, Morero (1′ st Capitanio), Dionisi, Parisi; Buono, Di Paolantonio (40′ st Carbonelli); Tribuzzi, Alfgeme (18′ st Matute), De Vena (31′ st Sforzini), Da Dalt (12′ st Ciotola).

A disp.: Longobardi, Patrignani, Rizzo, Pepe.

All.: Bucaro.

Pergolettese (4-3-3): Chiovenda; Fanti, Fabbro, Bakayoko, Villa; Muchetti (27′ st Panatti), Manzoni (37′ Piras), Cazzamalli (31′ st Okyere); Russo (12′ st Morello), Bortoluz, Bitihene (12′ st Franchi).

A disp.: Stucchi, Manfroni, Lucenti, Shiavini.

All.: Contini.

Arbitro: Nicolini di Brescia.

Assistenti: Giuggioli di Grosseto e Spina di Palermo.

Ammoniti: 18′ pt Bakayoko, 16′ st Parisi, 41′ st Villa, 44′ st Okyere (gioco scorretto);

Angoli 5-4;

Recupero 2′ pt.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *