alpadesa
  
Flash news:   La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Il Comune mette in vendita in lotti i box artigianali di via San Lorenzo per un importo totale di 410 mila euro. Foto

Il mercato riapre i battenti e gli ambulanti chiedono all’Amministrazione di accelerare sul progetto di accorpamento a Parco delle Acacie

Pubblicato in data: 7/6/2019 alle ore:08:30 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Con il ritorno del mercato in città gli ambulanti chiedono all’Amministrazione di accelerare sul progetto di accorpamento della fiera a Parco delle Acacie. Ieri mattina le bancarelle hanno ripreso posto tra via San Lorenzo e il polmone verde di via Ferrovia dopo lo stop forzato di giovedì scorso legato ai lavori di riqualificazione che stanno interessando il parco.

Tutto è filato lisco con gli utenti che hanno potuto apprezzare la nuova pavimentazione in asfalto del parco. Soddisfatte le sigle sindacali con la  Confesercenti e l’Associazione imprenditori irpini, rappresentate da Peppino Innocente: «Non c’è stato alcun tipo di disagio, tutto è filato liscio. Il cammino purtroppo è ancora lungo per l’accorpamento. Per cui stamattina (ieri ndr.) ho chiesto personalmente, a nome di tutti gli operatori commerciali della fiera, che l’Ufficio Commercio del Comune cammini parallelamente con i lavori in corso, in modo da non allungare ulteriormente i tempi. Ho chiesto inoltre che venga pubblicata quanto prima la graduatoria degli operatori aventi diritto. Ho trovato la disponibilità dell’assessore al Commercio e di quello ai Lavori Pubblici, rispettivamente Musto e Antonacci».

L’accorpamento della fiera settimanale nel parco consentirà di dar vita ad un mercato più compatto e a poter riaprire il giovedì mattina al traffico veicolare via San Lorenzo. Strada che sarà liberata così dalla bancarelle mentre su ambo i lati ci saranno a disposizione circa mille posti auto per tutti gli utenti della fiera.
Un accorpamento che interesserà circa 130 operatori che saranno così posizionati: i circa 30  alimentaristi (settore food) saranno collocati all’esterno del parco, nell’area parcheggio, mentre nelle piazzole all’interno del parco verranno sistemati i 100 operatori del settore “no food”. Sempre all’interno del parco collocati anche i 10 agricoltori. Da domani inizieranno anche i lavori esterni al parco, che riguarderanno la realizzazione degli attacchi per la luce e l’acqua, tre nuovi varchi di accesso all’area fieristica, il rifacimento dell’asfalto esterno e la messa a nuovo dei servizi igienici.
Tutti lavori necessari per dar il via all’unione delle bancarelle,

Ieri mattina è scattata anche l’operazione tolleranza zero nei confronti degli operatori che non conferiscono correttamente i rifiuti con controlli della Polizia municipale: «Abbiamo fatto un sopralluogo con il comandante dei vigili, i commercianti hanno collaborato  – conclude l’assessore Mirko Musto -. Mi fa piacere che  si è creato questo clima collaborativo. Il parco era pulito e i commercianti sono stati molto attenti a tenere il posteggio e a lasciarlo pulito».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *