alpadesa
  
sabato 08 agosto 2020
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Perizia psichiatrica per giovane atripaldese imputato di spaccio

Pubblicato in data: 7/6/2019 alle ore:18:03 • Categoria: Cronaca

Il Gip del Tribunale di Avellino, dr. Marcello Rotondi.  ha disposto una perizia psichiatrica per un giovane atripaldese imputato per spaccio di marijuana in concorso con un altro giovane ventisettenne sempre residente nella cittadina del Sabato.
Il pubblico ministero, dott. Fabio Massimo Del Mauro,  nel corso dell’udienza che si è celebrata giorni fa ha chiesto il rinvio a giudizio per entrambi gli atripaldesi accusati di aver ceduto 4 dosi di marijuana ad un uomo di Montemiletto.
I  fatti risalgono al marzo 2018, quando i Carabinieri di Atripalda fermarono un uomo in possesso di  una bustina contenente marijuana. L’uomo fermato dichiarò ai militari di aver acquistato poco prima la droga nei pressi di piazza Umberto I  da due ragazzi del posto poi identificati in caserma tramite riconoscimento fotografico. il ventisettenne e il ventottenne atripaldesi furono denunciati a piede libero per spaccio di stupefacenti.
La difesa del ventottenne ha esibito al giudice dei certificati medici rilasciati dall’Asl di Atripalda attestanti lo stato di invalidità mentale e il certificato di inabilità totale al lavoro a causa di patologie legate allo stato di salute mentale rilasciato dalla commissione medica legale Inps di Avellino, chiedendo che si disponesse una perizia psichiatrica ai fini di valutare la capacità di intendere e di volere al momento del fatto del giovane e la sua capacità di stare in giudizio.
I difensori del ventisettenne, gli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, hanno sostenuto in discussione la estraneità del proprio assistito ai fatti contestati e in particolare la insussistenza del concorso nel reato di spaccio, insistendo affinché si accertasse la infermità mentale dell’altro giovane coimputato.
Il Gip ha accolto le richieste dei difensori ed ha deciso di non rinviare a giudizio i due giovani nominando un consulente tecnico  che effettuerà una perizia psichiatrica per il giovane atripaldese di ventotto anni.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Domani 102 comuni tra Irpinia e Sannio resteranno senza acqua per almeno dodici ore. L’interruzione si è resa necessaria per Read more

I Vigili del Fuoco salvano un cane nel fiume Sabato

Una squadra dei Vigili del Fuoco di Avellino, nel pomeriggio di oggi 25 luglio, è intervenuta a Pianodardine nel territorio Read more

Incidente sulla Variante ad Atripalda, autotreno perde i cassoni con i pomodori: intervento dei Vigili del Fuoco. Foto

I Vigili del Fuoco di Avellino intorno alle ore 17'00 di oggi 23 luglio sono intervenuti sulla SS 7 BIS, Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *