alpadesa
  
Flash news:   L’opposizione incalza la maggioranza nel Consiglio comunale e slitta l’approvazione del Regolamento per le misure di contrasto all’evasione e morosità dei tributi locali Scuole chiuse in Campania, il sindaco di Atripalda recepisce l’ordinanza del governatore De Luca Coronavirus, il governatore De Luca chiude scuole e università fino a sabato in Campania Coronavirus, tampone positivo in Campania L’Avellino vince il derby con la Paganese Va deserto il secondo esperimento di vendita dei cinque box artigianali di via San Lorenzo mentre torna sul mercato l’ex Centro Pmi Us Avellino, il presidente Izzo: “pronto a restare con D’Agostino o a cedere le mie quote” “Amica Pubblicità & Servizi” raddoppia e apre una seconda sede ad Avellino Scontro ieri nel Consiglio comunale straordinario di Atripalda: ok al riconoscimento del debito fuori bilancio di oltre un milione di euro legato ad espropri di terreni in via San Lorenzo. Foto Coronavirus, sospese le gare di basket del prossimo turno

Caso Sidigas, il Tribunale dice sì al pre-concordato

Pubblicato in data: 12/7/2019 alle ore:06:05 • Categoria: Avellino Basket, Avellino CalcioStampa Articolo

La Sezione fallimentare del Tribunale di Avellino ha accolto la proposta della Sidigas ed ha accettato l’istanza di pre – concordato. L’imprenditore napoletano avrà 60 giorni di tempo per presentare la proposta definitiva di concordato.

Domani come previsto dovrebbe celebrarsi l’udienza ma sarà solo un atto formale per rimandare la discussione a 60 giorni. L’inchiesta sull’istanza fallimentare si intreccia con la vicenda giudiziaria.

 

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *