- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

I Socialisti di Atripalda all’attacco dell’Amministrazione Spagnuolo, l’ex assessore Pacia:«Non c’è la svolta promessa, non raggiunge la sufficienza»

«Non c’è la svolta promessa, quest’Amministrazione mi ha deluso completamente e mi ha fatto quasi rimpiangere l’Amministrazione precedente  con la quale non sono stato per niente dolce. Se volessimo darci un voto, direi che quest’amministrazione guidata dal sindaco Geppino Spagnuolo non raggiunge la sufficienza, fermandosi massimo su un bel 5, pur avendo al loro interno qualche componente della giunta e qualche consigliere che hanno una certa capacità amministrativa ma che potrebbero fare di più». Parte da qui l’affondo dei socialisti del Psi ad Atripalda alla volta dell’Amministrazione targata dal sindaco Geppino Spagnuolo. Il partito che in città fa riferimento alle figure degli ex assessori Ulderico Pacia e Arturo Iaione,  è pronto ad inaugurare nel mese di settembre la nuova sezione cittadina in piazza Sparavigna. L’ex assessore Pacia traccia un giudizio negativo sul governo della città: «Sono trascorsi oltre due anni di amministrazione ma la città è morta. Ha posto in essere solo quello che già era stato avviato e preparato dalla precedente amministrazione. Un esempio è la riapertura di via Orto dei Preti adiacente Palazzo oppure  l’autovelox sulla Variante, nonostante che una parte degli attuali amministratori, quando stavano all’opposizione di Paolo Spagnuolo, hanno votato contrato l’installazione. Per esempio l’assessore  al patrimonio Massimiliano Del Mauro che attaccò aspramente l’allora sindaco Paolo Spagnuolo accusando di mettere le mani nelle tasche dei cittadini» tiene a sottolineare l’esponente del Psi Atripalda, accusandoli così: «di poca coerenza. Ora sono loro che stanno mettendo le mani nelle tasche dei cittadini, non solo con l’autovelox ma anche ampliando le strisce blu per la sosta a pagamento per Atripalda. Ora sono pronti anche a mettere a pagamento via Appia. Una cosa, che secondo il mio parere, non è prevista dal codice della strada. Inoltre sono state realizzate delle strisce blu vicino all’ex banco di Napoli in piazza Umberto e sotto rampa San Pasquale che per me non potevano essere realizzate». Tante le questioni aperte e non risolte per l’esponente della sinistra: «A contrada Alvanite gli inquilini delle case attendono ancora che vengano installate le nuove grondaie e i canali di scolo dell’acqua piovana, nonostante la gara si stata effettuata nel marzo del 2017. Altra questione ancora irrisolta è il sistema fognario cittadino che versa in uno stato pietoso, pur avendolo fatto presente già ai tempi dell’amministrazione guidata dal sindaco Lina Rega, allegando agli atti del consiglio comunale le foto». Infine altro tasto dolente secondo i socialisti è la mancata riscossione dei tributi relativi a strutture comunali affidate a terzi: «il Comune non riscuote i fitti. Ho presentato sulla questione istanze sin dall’agosto 2016 ma ad oggi credo che non sia stato riscosso nulla» così come sotto accusa finisce anche l’utilizzo a Palazzo di città: «di personale che non sono dipendenti comunali come già accaduto con il progetto Gaia. Questo è un mio parere, potrei anche sbagliarmi, ma chiedo che venga chiarito se potevano e possono lavorare a computer all’interno del quale ci sono dati sensibili».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts