alpadesa
  
Flash news:   Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato

Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO

Pubblicato in data: 17/9/2019 alle ore:22:47 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

La comunità  è stata messa a dura prova dall’incendio di Pianodardine. Se venerdì scorso avessi preso la macchina per andare a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario“.
E’ il messaggio conciso ma forte che da Atripalda lancia il vescovo di Avellino Arturo Aiello durante la messa per i festeggiamenti del Santo Patrono Sabino. Quella comunità ancora scossa dagli ultimi fatti di cronaca dell’incendio dell’ICS a Pianodardine. Sua Eccellenza, intervento ieri sera per celebrare la solenne messa presso la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, con Don Fabio Mauriello, Do Ranieri Picone e Don Vitaliano Della Sala, lancia un messaggio di incoraggiamento tracciando cosa debba fare un buon parroco.
Nella sua lunga omelia parla ai tantissimi fedeli accorsi ad ascoltarlo: «Il prete si ammala di quei peccati che voi gli avete lanciato come liquame. Così come quando vi andate a confessare per essere assolti e vi alleggerite dai vostri peccati. Don Fabio dovrà ammalarsi delle malattie di Atripalda. Un pastore che a lungo stia in una comunità finisce come San Damiano De Veuster che contrae la lebbra per andare ad assistere i lebbrosi.
Siamo tutti lebbrosi in qualche maniera e la lebbra è contagiosa. Le mie malattie e i miei dubbi di pecora diventano i dubbi del pastore. La Santità di San Sabino è di essersi presentato a Dio con le malattie dell’antica Abellinum di allora. Vi auguro perciò di ammalarvi delle malattie dei vostri figli, dei vostri alunni, dei vostri parrocchiani».
Poi un messaggio anche anche agli insegnanti che debbono insegnare con amore agli alunni.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *