alpadesa
  
Flash news:   Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani

Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO

Pubblicato in data: 17/9/2019 alle ore:22:47 • Categoria: Attualità

La comunità  è stata messa a dura prova dall’incendio di Pianodardine. Se venerdì scorso avessi preso la macchina per andare a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario“.
E’ il messaggio conciso ma forte che da Atripalda lancia il vescovo di Avellino Arturo Aiello durante la messa per i festeggiamenti del Santo Patrono Sabino. Quella comunità ancora scossa dagli ultimi fatti di cronaca dell’incendio dell’ICS a Pianodardine. Sua Eccellenza, intervento ieri sera per celebrare la solenne messa presso la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire, con Don Fabio Mauriello, Do Ranieri Picone e Don Vitaliano Della Sala, lancia un messaggio di incoraggiamento tracciando cosa debba fare un buon parroco.
Nella sua lunga omelia parla ai tantissimi fedeli accorsi ad ascoltarlo: «Il prete si ammala di quei peccati che voi gli avete lanciato come liquame. Così come quando vi andate a confessare per essere assolti e vi alleggerite dai vostri peccati. Don Fabio dovrà ammalarsi delle malattie di Atripalda. Un pastore che a lungo stia in una comunità finisce come San Damiano De Veuster che contrae la lebbra per andare ad assistere i lebbrosi.
Siamo tutti lebbrosi in qualche maniera e la lebbra è contagiosa. Le mie malattie e i miei dubbi di pecora diventano i dubbi del pastore. La Santità di San Sabino è di essersi presentato a Dio con le malattie dell’antica Abellinum di allora. Vi auguro perciò di ammalarvi delle malattie dei vostri figli, dei vostri alunni, dei vostri parrocchiani».
Poi un messaggio anche anche agli insegnanti che debbono insegnare con amore agli alunni.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Festeggiamenti San Sabino, in migliaia al concerto di Masini. Tantissimi fedeli alla messa e processione per il Patrono. FOTO

Grande partecipazione di fedeli ai Solenni festeggiamenti in onore del Patrono di Atripalda, San Sabino. Nella tre giorni organizzati dal Read more

Tanta gente alla benedizione della nuova statua di San Sabino in via Tufara. FOTO

Tanta gente ieri sera alla benedizione della nuova statua di San Sabino in via Tufara (foto gentilmente fornite da Sonia Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *