alpadesa
  
Flash news:   Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace Aggiudicato l’appalto dei lavori per l’ampliamento del ponte delle Filande lungo il torrente Fenestrelle ad Atripalda: progetto anti alluvioni Avellino: raggiunto l’accordo con il centrocampista Nicolas Izzillo Calcio, goleada con l’Intercampania Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» L’Avellino cade a Teramo al 90’: finisce 1-0

Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto

Pubblicato in data: 22/9/2019 alle ore:18:59 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Il decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”rivive ancora una volta nel libro a cura dell’ex arbitro atripaldese Generoso Tirone.
Ieri pomeriggio nella chiesa di San Nicola da Tolentino di  piazza Vittorio Veneto, la presentazione ufficiale del Libro relativo all’Edizione del 1984, la “decima”.
Il libro composto da centosessanta pagine in bianco e nero rappresenta un’altra tappa lungo il percorso di realizzazione di una collana relativa ai primi dieci anni del Torneo, che l’autore sta curando da molti anni con passione e dedizione. Raccoglie aneddoti, fotografie, classifiche e risultati di quelle gare e dei tanti partecipanti. Un tuffo nel passato in un’Atripalda dal sapore diverso e che non c’è più. Un amarcord di fotogrammi e ricordi.
«Dopo enormi sacrifici, siamo riusciti a pubblicare l’ottavo volume dello Stracittadino, un progetto che, attraverso vecchie memorie, impressioni e foto, ripercorre le gesta degli atripaldesi relative alla decima edizione del Torneo, disputatasi nell’anno 1984 – racconta l’autore Generoso Tirone che non nasconde l’amarezza per la scarsa collaborazione, partecipazione della città e anche dell’amministrazione -, edizione che chiuse il ciclo degli anni ‘70/’80 e fu festeggiato il “Decennale” dello Stracittadino». Tirone racconta di aver protocollato ben quattro richieste al Comune ma di non aver avuto risposta o collaborazione da parte dei rappresentanti delle Istituzioni ai quali aveva chiesto un saluto e o una presentazione del libro. In segno di protesta ha lasciato perciò le prime tre pagine del libro completamente vuote. Anche dalla Pro Loco infine, ha raccontato, si aspettava una collaborazione, rivolgendosi al presidente Lello Labate, uno dei pochi presenti in sala.
A moderare l’incontro l’editore del libro, il gironalista Ciro De Pasquale dell’Associazione Culturale “Cento Uomini d’Acciaio”.
Alla presentazione anche gli ex sindaci Aldo Laurenzano e Paolo Spagnuolo, che nel prendere la parola hanno elogiato l’opera che rappresenta la memoria di una città invitando Tirone ad andare avanti nella stesura di altre edizioni. Anche l’ex delegata allo Sport, Valentina Aquino, ha voluto encomiare l’attività dell’autore.
«Sono stanti tanti gli atripaldesi che, direttamente o indirettamente, hanno partecipato alle dieci edizioni della Manifestazione – conclude l’autore -. Ne approfitto per  ringraziare tutti coloro che hanno attivamente collaborato, in misura diversa, alla realizzazione di questo ulteriore libro».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *