alpadesa
  
sabato 25 gennaio 2020
Flash news:   Avellino, arriva il portiere Andrea Dini I volontari dell’Associazione Alvanite al fianco dei pazienti dell’Hospice di Solofra Arrestato Vincenzo Schiavone proprietario della Clinica Santa Rita Nuovo main sponsor per la squadra di ciclismo A.S. Civitas di Atripalda Lo chef Alfredo Iannaccone alla ricerca di nuovi sapori Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma

Pasticciere atripaldese ottiene in Appello riduzione della pena per truffa e ricettazione di un assegno smarrito

Pubblicato in data: 3/10/2019 alle ore:17:30 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Un pasticciere atripaldese di 47 anni ha ottenuto la riforma in Appello della sentenza di primo grado  emessa nel 2016 dal Tribunale penale di Avellino che lo vedeva condannato per truffa e ricettazione alla pena di 2 anni e mezzo di reclusione, senza pena sospesa, e al pagamento di 800 euro di multa.
La sesta sezione della Corte di Appello di Napoli, presieduta dal giudice dottoressa Antonia Gallo, ha accolto i motivi di appello presentati dalla difesa del pasticciere, assistito dagli avvocati Gerardo De vinco e Sabino Rotondi, rideterminando la condanna in 1 anno e 8 mesi di reclusione con pena sospesa.
Nel processo di primo grado il 47enne, assistito da un avvocato d’ufficio, fu condannato per i reati di ricettazione di un assegno bancario ai danni di un imprenditore di Atripalda e di truffa ai danni di un’agenzia assicurativa di Avellino.
Il pasticciere era accusato di essersi impossessato di un assegno bancario del valore di 1.400 euro, di provenienza illecita perché dichiarato smarrito con querela depositata dinanzi ai Carabinieri di Forino da un imprenditore di Atripalda.
Il 47enne atripaldese con l’assegno di 1.400 euro, tratto sulla Ubi Banca Private Investiment, filiale di Salerno, si era poi recato presso un’agenzia assicurativa di Avellino e aveva stipulato due polizze assicurative intestate a sua madre. L’amara scoperta per l’agente assicurativo avvenne solo alla presentazione dell’assegno all’incasso.
Dinanzi ai giudici della Corte di Appello di Napoli, i difensori del pasticciere, sono riusciti a mettere in evidenza alcune lacune motivazionali della sentenza di primo grado e la circostanza che alcuni testimoni avevano reso versioni poco attendibili.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *