alpadesa
  
Flash news:   Riparte il “Farmer Market” ad Atripalda: ieri mattina primo appuntamento dopo mesi di stop. L’assessore Musto: “mercatino in sicurezza”. Foto Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno Anniversario strage di Capaci, Idea Atripalda: “Sono morti invano? Dipende da noi” Parco delle Acacie, non si spengono le polemiche sulla bitumazione aree interne. IDEA Atripalda: “asfaltare un parco è come asfaltare il mare“. Foto Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi

Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi»

Pubblicato in data: 17/10/2019 alle ore:20:56 • Categoria: Avellino Calcio

«Ho voluto Avellino. E’ dal 1996 che aspetto questo giorno. So a cosa vado incontro e sono convinto che la squadra può raggiungere l’obiettivo della salvezza. Sono orgoglioso e in questo momento mi sento un allenatore importante». Si presenta così mister Eziolino Capuano. «Sono convinto che Avellino possa essere il salto definitivo per la mia carriera. E perché no, io vorrei conquistare la B e allenare l’Avellino in Serie B. Mi farebbe piacere aprire un ciclo. Ci metterò il cuore e questa è una responsabilità maggiore. Mi ritengo un guerriero e lotterò per conquistare Avellino». Sull’esultanza nel dopo Juve Stabia-Avellino s’infuria: «Capitò 12 anni fa. Se ricordate bene si giocò a porte chiuse perché all’interno della stadio furono trovare delle molotov e la sera precedente la passammo al fianco di un calciatore che stava molto male. Vincemmo contro la squadra più forte del campionato che poi andò in Serie B. Non avevamo battuto il Pescopagano, avevamo battuto l’Avellino. Al termine della partita mi trovai una marea di gente di Castellammare di Stabia e mi ritrovai su una macchina. Oggi mi vergogno anche di quello che ho fatto, ma sfido chiunque a non reagire come feci io in quell’occasione. Non ho mai gridato “chi non salta di Avellino è”». Infine sul modulo: «Chi mi dà più garanzie scenderà in campo. Questa squadra è costruita per il 3-5-2, fare minutaggio è importante ma è ancora più importante fare risultato. L’Avellino di Capuano avrà una caratteristica particolare. I lupi che scenderanno in campo saranno affamati e pronti a sbranare».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Us Avellino, il presidente D’Agostino: “trasparenza e chiarezza la promessa ai nostri tifosi. Nessuna decisione è stata presa”

“Pochi minuti dopo la firma relativa all’acquisizione dell’UsAvellino, dichiarai che l’obiettivo del Gruppo era quello di strutturare il club secondo Read more

Us Avellino, D’Agostino: “Di fronte alle testimonianze di dolore  il calcio passa in secondo piano”

Questa mattina si è svolta una call-conference tra il Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, ed i Presidenti delle sessanta Read more

Us Avellino, lupi in gabbia fino al 3 aprile

L’Us Avellino, preso atto delle indicazioni emerse a seguito della call conference odierna tra Associazione Italiana Calciatori e Lega Pro e delle Read more

L’Us Avellino paga gli stipendi a tesserati e dipendenti

L’Us Avellino comunica di avere, in data odierna, adempiuto alle scadenze relative agli emolumenti dei contratti di tesserati e dipendenti. Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *